22, Maggio, 2024

Settima edizione del concorso in onore di Giuliano Pini: la premiazione di “Mutar d’Ale” coi giovani talenti dell’IIS Varchi

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Questa mattina si è svolta la premiazione del concorso d’arte “Mutar d’Ale”, l’importante premio dedicato al Maestro Giuliano Pini. L’evento si è tenuto nella sala lettura dell’IIS Varchi di Montevarchi e ha visto la partecipazione di numerosi studenti. Il concorso, fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale di Cavriglia in collaborazione con l’Istituto Varchi e con il patrocinio della Regione Toscana, ha registrato un grande interesse anche quest’anno, con un numero significativo di elaborati ricevuti.

Come ricorda la moglie di Pini, Roberta Romanelli:”Il nome del premio “Mutar d’ale” si ispira a un’antologia italiana pubblicata nel 1962, edita da Remo Sandron di Firenze e curata dallo stesso artista Giuliano Pini.” Quest’ultimo, figura di spicco nel panorama artistico cavrigliese, ha lasciato un segno indelebile nella zona, dedicando gran parte della sua carriera artistica alla comunità locale. Nel 2014, la Sala della Giunta nel Palazzo Comunale di Cavriglia è stata dedicata proprio a lui.

L’obiettivo del Premio d’arte “Giuliano Pini” è quello di stimolare e valorizzare la creatività dei giovani studenti di tutta Italia, invitandoli a realizzare libri d’artista di alta qualità grafica ed artistica. Un importante supporto a questa iniziativa è stato offerto dal Liceo Artistico dell’IIS Benedetto Varchi di Montevarchi, che ha visto la partecipazione di quattro classi dell’indirizzo Grafico. Tiziana Senesi, docente di storia dell’arte:”Quest’anno il lavoro era impegnativo. I ragazzi questa mattina hanno avuto la possibilità di vedere anche i lavori delle scorse edizioni. Questo progetto è importante perché i ragazzi si confrontano ‘con il fare’ – hanno l’occasione di sperimentare la loro creatività e il loro saper fare manualmente.”

Il tema di quest’anno era la realizzazione di un libro d’artista basato sulla poesia di Eugenio Montale “La Casa dei Doganieri”. Nonostante la complessità del testo scelto, i lavori presentati hanno mostrato un alto livello di creatività e competenza. Il commento di Filippo Becattini sull’edizione di quest’anno:” Di volta in volta vedo un miglioramento grafico da parte dei partecipanti ed è una grande soddisfazione. Ci vogliono più iniziative come questa”.

I vincitori di questa edizione sono stati annunciati durante la cerimonia di premiazione: il primo premio è stato assegnato a Mattia Di Nolfo, il secondo premio è stato conquistato da Emanuele Tue Benucci, mentre il terzo premio è stato attribuito a Emma Rubbioli. Tutti e tre sono studenti del Liceo Artistico dell’Isis “Varchi”.

Gli organizzatori:”L’evento ha rappresentato un’occasione preziosa per celebrare e seguire le orme del Maestro Giuliano Pini, incoraggiando le nuove generazioni a perseguire l’eccellenza artistica e culturale. Grazie anche al sostegno di sponsor come la Moretti Spa e l’azienda MakerHouse, il concorso ha potuto offrire una piattaforma importante per il talento emergente nel campo delle arti visive.”

 

Articoli correlati