01, Ottobre, 2022

“Miglior vinsanto artigianale”, a Palomar i vincitori: primo classificato quello di Alessandro Fatai

Più lette

In Vetrina

E’ quello di Alessandro Fatai, da Arezzo il vinsanto vincitore con 91,14 punti del quinto concorso “Miglior vinsanto artigianale” organizzato dalla Pro Loco di San Giovanni con il patrocinio del Comune e dell’Ais (Associazione Italiana Sommelier) nell’ambito delle Festa del Perdono. Lo scopo del concorso, quest’anno aperto anche a partecipanti di tutta la Toscana, è stato quello di valorizzare la produzione di una delle più antiche e tradizionali attività agricole del territorio toscano.

I campioni di vinsanto sono stati sottoposti, in modalità anonima, alla giuria di esperti degustatori che ne ha valutato la piacevolezza di beva e le tipicità territoriali e produttive.

“Facciamo i complimenti – ha dichiarato il presidente della Pro Loco Massimo Pellegrini a nome di tutta l’associazione – ai vincitori e ringraziamo i sommelier dell’Ais Toscana delegazione di Arezzo, Alessandro Berti sommelier Fisar, tutti i partecipanti ed i presenti che hanno assistito alla serata! Ricordiamo che gli attestati di partecipazione possono essere ritirati nell’ufficio della Pro Loco di San Giovanni Valdarno”.

Primo classificato il vinsanto di Alessandro Fatai, da Arezzo che ha ottenuto 91,14 punti. A seguire il vinsanto di Vittorio Paffetti da Montepulciano con 88,71 punti ed infine quello di Gino Brandini da San Giovanni Valdarno con 87,43 punti.

Il primo premio consisteva in un caratello nuovo da 40 litri, il secondo in un decanter e il terzo premio erano 6 calici per la degustazione del vinsanto.

1°: da Arezzo campione n. 19 Alessandro Fatai, 91,14 punti

Caratteristiche del vinsanto:

Anno della vendemmia: 2015
Anni di invecchiamento nei caratelli: 4
Anno di imbottigliamento: 2019
Vitigni utilizzati: Trebbiano e Malvasia

2°: da Montepulciano campione n. 16, Vittorio Paffetti, 88,71 punti

Caratteristiche del vinsanto:

Anno della vendemmia: 2011
Anni di invecchiamento nei caratelli: 4
Anno di imbottigliamento: 2015
Vitigni utilizzati: Malvasia e Pulcinculo

3°: da San Giovanni campione n.4, Gino Brandini, 87,43 punti

Caratteristiche del vinsanto:

Anno della vendemmia: 2019
Anni di invecchiamento nei caratelli: 30 mesi
Anno di imbottigliamento: 2022
Vitigni utilizzati: Malvasia, Trebbiano, San Colombano, Canaiolo nero

Articoli correlati