19, Aprile, 2024

“Liberi dai rifiuti”, la tappa a San Giovanni

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Ha fatto tappa oggi a San Giovanni “Liberi dai rifiuti”, il progetto di educazione ambientale promosso nell’ambito dei percorsi educativi di Unicoop Firenze per le scuole e realizzato in collaborazione con Legambiente, le Sezioni soci Coop e le amministrazioni locali.

Nei giardini del Lungarno, oltre 100 alunni della scuola secondaria di primo grado G. Marconi, accompagnati dai docenti, hanno svolto un’attività di raccolta di rifiuti abbandonati in alcune aree del Lungarno, a cui è seguita un’analisi dei rifiuti raccolti e una riflessione sull’impatto dei rifiuti sull’ambiente. All’appuntamento hanno partecipato anche Valentina Vadi, Sindaco di San Giovanni Valdarno, Carla Bernacchioni, Presidente della Sezione soci Coop di San Giovanni Valdarno e Ilaria Violin, Vicepresidente del Circolo Legambiente Arezzo, che hanno accolto i ragazzi e presentato l’iniziativa.

Nel corso di ogni appuntamento, gli alunni, divisi in piccoli gruppi, vengono coinvolti in un’esperienza importante di cittadinanza attiva per capire l’impatto della dispersione di materia sugli ecosistemi e il tipo di inquinamento prevalente nei luoghi monitorati. Gli incontri sono anche l’occasione per confrontarsi sul corretto smaltimento delle diverse tipologie di rifiuto e sulle altre buone pratiche improntate alla sostenibilità.

Valentina Vadi, Sindaco di San Giovanni, ha commentato: “Ringrazio Unicoop Firenze, Legambiente e la sezione soci Coop di San Giovanni Valdarno per l’attenzione che hanno nei riguardi dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze promuovendo un progetto che ha lo scopo, da un lato di renderli cittadini attivi nella cura del territorio e dell’ambiente della propria comunità, dall’altra di accrescere le loro conoscenze sulle diverse tipologie e pericolosità dei rifiuti abbandonati e dispersi nell’ambiente naturale. Inoltre, l’area scelta per il progetto, i Lungarni e la Pineta, sono luoghi molto frequentati, anche dagli stessi ragazzi, e sono convinta che dopo questa esperienza avranno ancora più cura ed attenzione all’ambiente che li circonda”.

 

Carla Bernacchioni, Presidente Sezione soci Coop San Giovanni: “Liberi dai rifiuti è un’esperienza che ha coinvolto tanti soci e cittadini toscani, mobilitandoli sul tema dell’ambiente. Ringraziamo il Sindaco e l’amministrazione locale per il sostegno all’iniziativa di questa mattina che ha visto una grande partecipazione degli alunni, rendendo protagonisti coloro che rappresentano il nostro futuro”. Tommaso Perrulli, Responsabile progetti sociali e scuola: “Nel catalogo delle nostre proposte educative abbiamo molto investito su questo progetto a cui le scuole toscane hanno aderito con entusiasmo: gli appuntamenti sono un’occasione in cui i ragazzi possono impegnarsi concretamente per l’ambiente ma servono anche per sviluppare una visione critica e costruttiva rispetto al tema ambientale e alle urgenze del cambiamento climatico. Ci auguriamo che questo progetto possa stimolare buone pratiche quotidiane e possa essere un seme per garantire un futuro migliore al nostro Pianeta”. E Fausto Ferruzza, Presidente Legambiente Toscana, ha concluso: “Coinvolgere alunne e alunni in una grande attività di monitoraggio scientifico, qual è a tutti gli effetti Liberi dai Rifiuti 2023, oggi ha, per noi, un duplice significato. Da un lato quello di rendere protagoniste del cambiamento le nuove generazioni, dall’altro ricordare sempre che l’ambientalismo scientifico si nutre tanto di conoscenza quanto di coerenza nelle nostre azioni. Puliamo sette grandi aree verdi della nostra regione per comprendere meglio qualità e quantità dei rifiuti che colpevolmente cittadini “distratti” hanno disperso in natura”.

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati