26, Maggio, 2022

Festa dell’Albero, un piccolo frutteto e tre gelsi alla primaria di San Biagio: salgono a 70 le nuove piante

spot_img

Più lette

Il giardino della scuola primaria San Biagio da oggi è ancora più verde grazie al piccolo frutteto con nove piante e tre giovani alberi di gelso piantati dai bambini e donati dal Lions Club Valdarno Masaccio e dalla Ortofloricoltura Betonici Patrizia. L’ultima pianta è stata messa a dimora stamani alla presenza di circa un centinaio di bambini delle prime tre classi, una piccola cerimonia che ha segnato la chiusura degli eventi promossi dal Comune intorno alla Festa dell’Albero, la giornata nazionale che ogni 21 novembre celebra l’importanza delle piante e promuove le politiche di riduzione delle emissioni, la protezione del suolo, il miglioramento della qualità dell’aria, la valorizzazione delle tradizioni legate all’albero e la vivibilità degli insediamenti urbani. In totale, sono circa 70 i nuovi alberi piantati nelle ultime settimane.

Il primo evento legato alla Festa dell’Albero risale all’11 novembre scorso, quando circa 150 alunni della stessa primaria San Biagio piantarono oltre 50 nuovi alberelli nell’area verde vicina alla scuola insieme ai tecnici dell’Ufficio ambiente del Comune e ai Carabinieri forestali. Fu il primo degli eventi inseriti nel programma di Autumnia, la grande fiera dedicata ad ambiente, agricoltura e alimentazione. I Forestali si occuparono anche della messa a dimora di una nuova pianta nel giardino della scuola dell’infanzia di via Piave.

“Piantare un albero è il segnale di fiducia nel futuro più forte che possiamo dare. Per questo anche stamani lo abbiamo voluto fare insieme ai piccoli alunni della scuola primaria. Una pianta giovane è una promessa, un po’ come lo sono i nostri bambini. Ha bisogno di cura, dev’essere cresciuta con attenzione, ma presto ci ripagherà con aria pulita, un suolo più sicuro e un po’ d’ombra per le giornate più calde. Come Amministrazione stiamo investendo sul rimboschimento dei giardini e delle aree verdi del territorio, al punto che chiuderemo il 2021 con oltre 200 nuove piante messe a dimora, a fronte di 38 necessari per motivi di sicurezza”, spiega l’assessore all’Ambiente Paolo Bianchini.

Articoli correlati