05.07.2016  22:00

"No alla Bolkestein": oltre mille ambulanti in corteo a Firenze per protestare contro la direttiva europea

di Monica Campani
Presente alla manifestazione anche tanto Valdarno: sindaci e assessori dei Comuni dell'aretino e del fiorentino, parlamentari, consiglieri comunali. Dalle Cascine arrivo in piazzale Michelangelo per gli interventi


commenti

Leggi gli Speciali:  Bolkestein: la direttiva europea che non piace agli ambulanti

Data della notizia:  05.07.2016  17:44  /  Ultimo aggiornamento:  05.07.2016  22:00

Dal Parco delle Cascine a Firenze hanno raggiunto in corteo piazzale Michelangelo: oltre 1.000 gli ambulanti, molti valdarnesi, che con lo slogan "Salviamo mercati, lavoro e dignità sociale" hanno partecipato alla manifestazione per protestare contro la direttiva europea Bolkestein recepita dall'Italia ed estesa anche al commercio su aree pubbliche.
 

Gli ambulanti chiedono che la loro attività sia esclusa della direttiva o almeno che il periodo transitorio sia spostato al 2020. Il rischio, infatti, è che nel 2017 le licenze vengano tutte messe a bando senza prendere in considerazione anzianità o professionalità. Ha già presentato un'interrogazione al Ministro dello sviluppo economico l'onorevole Lorenzo Becattini.


Assidea, l'associazione che si è costituita a maggio proprio per portare avevanti le richieste degli ambulanti ha deciso di organizzare la manifestazione di Firenze. Vi hanno aderito molte istituzioni. Dal Valdarno aretino e fiorentino sono scesi in piazza con la fascia accanto a ognuno di loro sindaci e assessori. Tra gli altri: Angelo Salvi per Montevarchi, Caterina Barbuti per Terranuova, Lorenzo Tilli per Figline Incisa, il sindaco Moreno Botti per Loro Ciuffenna, Adele Bartolini per Reggello, consiglieri comunali, come quello del Movimento 5 Stelle di San Giovanni, e regionali. E poi il sindaco di Livorno Filippo Nogarin, ,a consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Irene Galletti e il deputato sempre M5S Ivan Della Valle. Presenti anche delegazioni di commercianti provenienti dal Lazio, dalla Campania, dall'Emilia Romagna.



Il corteo formato da circa 300 furgoni e altri mezzi dal Parco delle Cascine ha raggiunto Porta Romana e poi piazzale Michelangelo dove è stato allestito un palco. Qui si è tenuto il comizio. I rappresentanti di Assidea hanno esposto i motivi della protesta e aupsicato che le loro proteste possano essere accolte dal Governo.

Aggiornamenti
Più di una settimana fa
Aggiornamenti
Alla fine sono stati 463 i furgoni che hanno preso parte alla manifestazione. Senza contrae chi è arrivato da altre regioni in auto o in moto. Una protesta riuscita. Tanti i partecipanti

Politica / Economia

 
comments powered by Disqus