24, Aprile, 2024

Secondo ponte, la sindaca Mugnai replica a Buoncompagni: “Commenti sconcertanti da chi ha avuto la delega alle Infrastrutture fino all’altro ieri”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

La sindaca di Figline e Incisa Giulia Mugnai replica con una nota alle dichiarazioni di Enrico Buoncompagni, candidato sindaco di una Lista civica ed ex vicesindaco, in merito alla questione del secondo ponte sull’Arno e in particolare sull’assenza del progetto fra quelli finanziati dall’accordo sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, firmato tra il Governo e la Regione Toscana.

“Per quanto riguarda il secondo ponte sull’Arno – spiega la sindaca Mugnai – mi stupisce che certi commenti siano mossi da chi ha fatto fino all’altro ieri e per quattro anni non solo il vicesindaco, ma soprattutto l’assessore ai Lavori pubblici e alle Infrastrutture. Innanzitutto, il Fondo Sviluppo e Coesione ha finanziato opere di importanza regionale presenti da moltissimi anni nella programmazione della Regione. Il secondo ponte sull’Arno, fino al 2021, non poteva nemmeno essere inserito tra le opere strategiche di rilevanza regionale, perché congiungeva una viabilità comunale con una provinciale, entrambe quindi di rango inferiore al livello regionale o nazionale richiesto. Con la realizzazione della variante in riva destra che ha riclassificato la strada e grazie al pressing della mia Amministrazione, il secondo ponte è diventato formalmente un’opera strategica per la Regione Toscana, che è stata quindi inserita nella sua programmazione. A quel punto è stato anche possibile finanziare un nuovo progetto, necessario per chiedere finanziamenti”.

“Così, la Regione Toscana ha assegnato 250mila euro alla Città Metropolitana, ente competente sull’opera, per la progettazione. Ora, finalmente, la Città Metropolitana sta redigendo un progetto adeguato alle attuali norme, aggiornando quello che era solo uno studio progettuale del 2008 ampiamente superato dalle normative sopravvenute. Quindi – continua Mugnai – se ora l’opera è ritenuta dalla Regione tra quelle strategiche e se avremo un nuovo progetto entro l’estate, che permetterà di richiedere fondi ministeriali per la realizzazione, è grazie alla mia Amministrazione”.

“Alla luce di tutto questo, i commenti di Buoncompagni risultano sconcertanti, soprattutto se vengono da chi è stato per quattro anni assessore ai Lavori pubblici e alle Infrastrutture, senza capire evidentemente in che modo si richiedono i fondi ministeriali per progetti di tale rilevanza. Stupisce, inoltre, che muova solo ora tante critiche al Partito Democratico, quando per anni ha condiviso tutte le scelte. Infatti, non mi pare di averlo mai visto prendere le distanze o esprimere posizioni diverse, mentre ricopriva la carica di vicesindaco in questa Amministrazione. Si vede che i dubbi sono sopraggiunti soltanto ora che, fuori dalla giunta, ha deciso di candidarsi a sindaco contro il centrosinistra”, conclude la sindaca Mugnai.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati