23, Ottobre, 2021

Compie 70 anni l’Avis di Montevarchi: domenica la festa. Chiassai: “Grazie per la vostra attività, patrimonio storico della comunità”

spot_img

Più lette

Si svolgeranno domenica 17 ottobre i festeggiamenti per i 70 anni dalla fondazione dell’Avis di Montevarchi: l’associazione di volontariato celebrerà questo importante traguardo a partire dalle ore 10, prima con la Santa Messa in Collegiata, poi con il concerto della Banda musicale Puccini a cui seguirà l’omaggio al Monumento al Donatore di sangue, infine con il pranzo sociale. In vista dell’anniversario, il Sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini ha voluto inviare un messaggio di ringraziamento.

“Festeggiare 70 anni di attività sul territorio significa avere intrapreso un lungo percorso per essere un punto di riferimento della comunità – afferma il Sindaco – Questa dell’Avis è una felice ricorrenza a cui l’Amministrazione comunale è fiera di partecipare e di condividere con tutta la cittadinanza. Il pensiero va a tutte le donne, gli uomini e soprattutto ai tanti giovani che, attraverso la donazione del sangue, effettuano un gesto di solidarietà per promuovere ed alimentare la cultura del “dono”. Essere un donatore significa sostenere concretamente la vita. Un anniversario importante che offre l’occasione a tutti noi per riflettere sui valori fondanti della nostra comunità, rappresentati dal ruolo prezioso svolto dal mondo dell’associazionismo e del volontariato, senza i quali saremmo una società più arida”.

“In tempo di pandemia – ha ricordato Chiassai – abbiamo riscoperto il legame forte con la città, l’importanza dell’aiuto reciproco e l’esigenza di proteggere la salute, come bene primario. La diffusione del Covid che ha stravolto in questi due anni la nostra quotidianità, non ha mai fermato l’opera capillare dei donatori e dei volontari, impegnati in molte attività, guidati dal solito spirito di servizio e dall’attenzione verso gli altri. Con altrettanta determinazione oggi la comunità è ripartita, guardando avanti, ma dobbiamo ringraziare sempre chi ha dato un contributo fattivo alla sopravvivenza delle persone, con un profondo senso di responsabilità”.

“Questi 70 anni non rappresentano un punto di arrivo, ma devono rappresentare il patrimonio storico di una comunità in continua evoluzione che ha sempre più bisogno di esempi positivi per crescere. Il traguardo raggiunto dall’Avis è un messaggio di speranza, di tutela della vita, di rispetto per gli altri di cui ci facciamo portavoce, insieme al Presidente e a tutti i soci, per trasmetterlo alle nuove generazioni attraverso il tempo e le energie che tanti volontari impiegano per il bene della collettività. Sono anche orgogliosa che, a pochi giorni dalla mia riconferma a Sindaco, possa esprimere a nome di tutta la città un sentito ringraziamento al Presidente Raffaele Calafiore, ai volontari e ai donatori per tutto quello che l’Avis ha fatto e realizzato in questi anni, per l’operato svolto in pandemia e per l’impegno che continueranno a svolgere a Montevarchi e nel nostro territorio”, conclude il sindaco.

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati