15, Giugno, 2024

Rotonda di Matassino, le perplessità del Movimento 5 Stelle

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

In una nota firmata dal gruppo del Movimento 5 Stelle di Reggello e dalla consigliera uscente di Castelfranco Piandiscò, Claudia Lucarini, l’attenzione è puntata sull’avanzamento dei lavori della rotatoria di Matassino. “Siamo ormai ai primi di giugno e la nuova rotatoria del ponte a Matassino ancora non è finita. Il giorno della presentazione del progetto tutti i Sindaci ed un Consigliere Regionale erano presenti ad elogiare questa nuova infrastruttura che avrebbe risolto il problema della viabilità sul ponte che collega Matassino a Figline. Dopo 6 mesi dal 31 dicembre, la viabilità ancora è critica, la rotatoria è in ritardo sulla sua messa in esercizio ma nessuno dei sopraccitati ha messo la faccia per scusarsi con i cittadini e automobilisti”.

“Ad occhio da quello che vediamo molto probabilmente la rotatoria non darà quei risultati che gli amministratori speravano. Ma la domanda che ci poniamo resta una, le amministrazioni si rivalgono sulle ditte che hanno l’appalto per il ritardo sulla data di consegna? Gli uffici addetti ai lavori pubblici vanno sui cantieri a vedere l’andamento dei lavori? Sono tutte domande che i cittadini si fanno, e le conclusioni sono sempre le solite, che la pubblica amministrazione non è in grado di fare il proprio lavoro”.

“Infine, vorremmo fare notare l’incuria dei bordi delle strade: almeno le strade comunali cercate di mantenerle nel limite della decenza, senza parlare della nuova regionale che da Ciliegi a Prulli comincia a presentare crepe ed avvallamenti e quando piove non scarica l’acqua creando veri e propri laghi che rendono la percorrenza pericolosa. Pensiamo che gli uffici comunali o chi ne ha competenza debbano essere pronti e reattivi nel sollecitare, Città Metropolitana, Ex Provincia e Regione a mantenere i servizi e la manutenzione di tali strade sul nostro territorio in uno stato di efficienza nei limiti della sicurezza stradale. Non basta fare slogan in campagna elettorale oppure asfaltare quelle 3/4 strade per far vedere che fate”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati