09, Dicembre, 2022

Terranuova in Comune: ” Il risultato indica di continuare il percorso”

Più lette

In Vetrina

Simone Nocentini della lista civica Terranuova in Comune ringrazia tutti coloro che lo hanno votato e guarda al futuro facendo un’opposizione concreta e seria

“Un doveroso ringraziamento ai terranuovesi che hanno votato per la lista civica Terranuova in Comune. Un progetto alternativo, iniziato diversi mesi fa, e che ha raccolto uno straordinario risultato: 36,21% di consensi, con 2480 voti assoluti. Purtroppo non è bastato per cambiare il governo di Terranuova, ma questa sarà la nostra base di partenza", con queste parole Simone Nocentini, della lista civuca Terranuova in Comune ringrazia gli elettori e guarda al futuro.

"Facciamo i nostri migliori auguri di buon lavoro al neo sindaco Sergio Chienni che ha vinto, ma non ha stravinto come è successo da altre parti. In questa campagna elettorale abbiamo dato il massimo per una lista civica trasversale che ha totalizzato infatti una percentuale molto più alta della somma totalizzata dai partiti di area di centrodestra alle elezioni europee e costringendo il PD di Matteo Renzi a scendere di quasi sette punti, dal 56,8% al 50,63%".

"Il nostro radicamento sul territorio è rappresentato anche dalle preferenze portate dagli eletti. Merita di essere citata la straordinaria performance di Luca Trabucco con 464 preferenze individuali: cifre da tempi gloriosi della politica, il più votato in assoluto, seguito da Paola Manetti, con 203 preferenze personali, la donna più votata di tutte le liste presenti, e da Albarosa Fuccini, con 177 preferenze personali che viene rieletta in consiglio comunale. Sono numeri importanti".

Simone Nocentini, infine, conclude: 

"Saremo una squadra formata da 4 consiglieri comunali, su 5 assegnati all’opposizione, che porteranno avanti l’impegno sul territorio, dal capoluogo alle frazioni, come abbiamo fatto in questi mesi nel rispetto di chi ci ha votato e cercando di conquistare la fiducia di chi non lo ha fatto. E per questo, abbiamo altri 5 anni di tempo”.

 

Articoli correlati