25, Maggio, 2024

Teatro Garibaldi illuminato per protesta e per chiedere la riapertura in sicurezza

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

L’appello dell’Amministrazione comunale di Figline Incisa

Il Teatro comunale Garibaldi partecipa alla protesta 'luminosa' che sta  coinvolgendo i piccoli e i grandi teatri d’Italia per richiederne una prossima riapertura in sicurezza. Sulla facciata è stato proiettato il logo sono state accese tutte le luci della Sala grande e del foyer.

"In questo anno di stop forzato abbiamo comunque cercato di promuovere il teatro con tutti i mezzi possibili, sfruttando per lo più il digitale – spiega l'Amministrazione comunale di Figline Incisa – Abbiamo curato il nostro Garibaldi in ogni suo centimetro, abbiamo rinnovato la tappezzeria, lucidato i pavimenti, sostituito ogni lampadina bruciata e creato anche una sala regia nuova e dotata di tutte le tecnologie per migliorare la messa in scena degli spettacoli. Lo abbiamo fatto per farci trovare pronti nel caso di una ripartenza improvvisa, ipotizzando stagioni di prosa di 2-3-5 spettacoli, con monologhi o senza monologhi, con un pubblico dimezzato o a tutta capienza. Ma ora l’attesa si sta facendo molto lunga, troppo lunga".

"Il teatro, infatti, non è fatto di mura, palcoscenico e poltrone: il teatro sono gli attori, i tecnici, le maschere, il personale di biglietteria. Senza di loro, che come molte altre categorie stanno pagando la chiusura forzata, il teatro è solo un bell’edificio storico, non più un luogo magico. Con questa “protesta luminosa” chiediamo quindi che si torni a parlare di teatro, perché in fondo, se si potranno fare sport e tante altre attività quotidiane, crediamo che continuando a indossare la mascherina e tenendosi a debita distanza, si debba al più presto tornare ad assistere anche ad uno spettacolo teatrale"

Articoli correlati