24, Aprile, 2024

Spintona e fa cadere un’operatrice sanitaria all’ospedale della Gruccia: condannato. Nursind: “Segnale importante”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Nel gennaio 2023 il parente di una paziente ha spintonato e fatto cadere un’operatrice sanitaria del pronto soccorso dell’ospedale della Gruccia. Il Tribunale di Arezzo lo ha condannato al risarcimento di 2mila euro.

Sulla vicenda è intervenuto il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche. “Il fatto è avvenuto nel gennaio 2023, quando al pronto soccorso dell’ospedale del Valdarno si presenta una ragazza alla quale viene assegnato un codice di gravità ritenuto non urgente. Il fratello, però, pretende che la giovane venga subito visitata: i toni si alzano e interviene l’Oss del servizio di accoglienza, che al termine di una discussione viene spintonata e fatta cadere a terra. L’operatrice (assistita dallo studio legale dell’avvocato Stella Scarnicci di San Giovanni Valdarno) sporge querela e il responsabile prova a negare il fatto, ma le telecamere presenti in sala d’aspetto lo incastrano. Per l’aggressore arriva prima il rinvio a giudizio e poi, nei giorni scorsi la sentenza di condanna”.

“La sentenza – commenta il segretario territoriale Claudio Cullurà – rappresenta un segnale importante per incoraggiare i troppi operatori sanitari vittime di aggressioni a denunciare. Dobbiamo riuscire a spezzare questa inaccettabile spirale di violenza è possibile soltanto se le vittime sono disposte a denunciare. Sarebbe auspicabile che le Aziende sanitarie si costituissero, quando possibile, parte civile, così da dare un segnale ancora più forte il nostro supporto alla collega, seguendola in ogni fase: dal momento della denuncia alla sentenza”.

Articoli correlati