06, Ottobre, 2022

Sospesi i pagamenti delle quote di frequenza dei Servizi all’Infanzia

Più lette

In Vetrina

Decisione del comune di Rignano: nessun pagamento per il periodo non fruito, in virtù della Delibera n° 35 del 18/03/2020 della Giunta Comunale

Le famiglie non dovranno pagare per i servizi all'infanzia comunali di cui non hanno usufruito per la sospensione delle attività didattiche dovuta all'emergenza coronavirus. L'Amministrazione comunale di Rignano, infatti, ha ritenuto di condividere una posizione comune con le altre amministrazioni afferenti alla Conferenza Educativa della Zona Fiorentina Sud-Est.

In tal senso, spiegano dal comune, la misura della sospensione della fatturazione fino alla ripresa delle attività educative risponde in pieno alla tutela del pubblico interesse nell'attuale contingenza di estrema difficoltà socio-economica, particolarmente gravosa per le famiglie con minori. In considerazione dell'effettiva mancata erogazione del servizio a favore delle famiglie interessate, la Giunta comunale di Rignano ha disposto di sospendere la fatturazione delle quote di frequenza a carico degli utenti dei Servizi all'Infanzia Comunali in relazione al periodo di chiusura già previsto (mese di marzo 2020) e fino al termine dell'emergenza COVID-19 . 

L'ufficio scuola, inoltre, informa che la fatturazione dei servizi scolastici del mese di febbraio, per gli utenti registrati al portale dei Servizi Scolastici, è già visibile e attiva per i pagamenti tramite il sistema PagoPa.

Articoli correlati