01, Febbraio, 2023

Serristori, lettera aperta di Idea Comune e Laboratorio Politico Rignano ai sindaci del Valdarno fiorentino

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

I due gruppi politici chiedono chiarimenti in merito alla chiusura del Pronto soccorso in concomitanza con la trasformazione dell’ospedale in presidio Covid, e chiedono azioni concrete per garantire il potenziamento del Serristori una volta finita la pandemia

Una lettera aperta ai sindaci di Figline e Incisa, di Reggello e di Rignano, per chiedere chiarezza e impegni concreti per l'ospedale Serristori. A firmarla sono il gruppo Lavoratorio Politico Sinistra Unita di Rignano e l'associazione politica culturale Idea Comune di Figline e Incisa. 

"Ci rivolgiamo a voi – si legge nel testo – per aver appreso nei giorni scorsi della trasformazione del Serristori in ospedale Covid-19 per cure intermedie, con la relativa chiusura dei reparti di medicina A e B, di altri servizi e del Pronto Soccorso, e siamo con la presente a chiedervi chiarimenti in merito.

In particolare vorremmo comprendere la motivazione che ha portato alla chiusura finanche del Pronto Soccorso, stante la possibilità per quest'ultimo di non interferire con i percorsi riservati ai pazienti Covid-19, avendo a disposizione ingresso e uscita separati dagli altri padiglioni. 

Riterremmo necessario, verificate le condizioni di sicurezza per i pazienti e gli operatori sanitari, mantenere attivo quantomeno il Pronto Soccorso, presidio indispensabile per poter fornire almeno le prime risposte d'urgenza ai cittadini di un comprensorio vasto e popoloso come quello da voi amministrato.

Al contempo, vi chiediamo di intraprendere – fin da subito – tutte le azioni tese a garantire la piena operatività del Serristori, anche con il potenziamento dell'attività del presidio stesso, più volte da voi annunciato, appena terminata l’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Pensiamo sia veramente giunto il tempo di cambiare marcia rispetto al Serristori e passare dalle dichiarazioni di intenti ai fatti e ad azioni concrete che restituiscano ai cittadini del Valdarno fiorentino il pieno diritto alle cure e alla salute nel proprio territorio.

L'insegnamento che ci viene da questa pandemia è la fondamentale importanza della prossimità dei servizi e dei presidi territoriali". 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati