29, Febbraio, 2024

Senzatetto alla stazione: dopo le polemiche, l’amministrazione costretta a chiudere di notte la sala d’attesa. Costerà circa 5mila euro

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Dopo la polemica sollevata da Michele Matrone, sui senzatetto, le Ferrovie costringono l’amministrazione a chiudere la sala d’attesa nelle ore notturne. E il servizio costerà circa 5mila euro l’anno. Era una delle ultime stanze ancora aperte di notte.

Alla fine l'amministrazione comunale di Rignano è stata costretto a chiudere la sala d'aspetto e i servizi igienici della stazione nelle ore notturne. 

Nei giorni scorsi il consigliere di opposizione Michele Matrone aveva sollevato la polemica per la presenza di senzatetto all'interno della stazione e successivamente anche le Ferrovie sembra che abbiano pressato il Comune, che ha il comodato d'uso, per chiudere la sala. In paese c'è molta contrapposizione sull'argomento: c'è chi come Matrone reputa la presenza dei senzatetto un problema e chi invece punta il dito sul dramma sociale postando anche video su facebook.

Quella di Rignano era una delle ultime stazioni ancora aperte di notte e sicuramente non si tratta di un'operazione a costo zero. Infatti, come si apprende dalla determina comunale, il servizio di chiusura e apertura, rispettivamente a mezzanotte e alle 5 di mattina, è affidato ai vigili giurati. Il prezzo è di 11 euro più iva al giorno. Tradotto: oltre 4.900 euro all'anno.

Articoli correlati