24, Maggio, 2024

San Giovanni, il gruppo Centro sinistra replica a M5S: “Preferiamo lavorare per i cittadini e non ci interessa questo livello di dialogo”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Al Movimento 5 Stelle che ha annunciato la presentazione in Consiglio comunale di una interrogazione sul degrado e sulle condizioni delle strade in città, replica il gruppo consiliare Centro sinistra per San Giovanni.

“Che cosa c’entrano le mostre? Lo sappiamo che avrebbero preferito una buca in meno piuttosto che avere “gli Uffizi diffusi” ma non lo sanno i nostri amici del M5S che i finanziamenti stanziati sono finalizzati e rigidamente destinati? Pena altrimenti l’accusa di frode o truffa? Semplicemente non avrebbero avuto la mostra e la buca sarebbe rimasta.
Ma desideriamo rispondere con franchezza e chiarezza alle loro preoccupazioni.
Abbiamo investito 1.205.000 euro per asfaltare strade importanti come via Fermi, via Peruzzi e la Strada regionale 69 e fra poco sarà pronto un nuovo accordo quadro. Solo nel 2022 abbiamo Speso 1.200.000 (un milione e duecentomila) euro di asfaltature oltre quelle già fatte negli anni precedenti”.

“Al fine di migliorare la viabilità e facilitare l’accesso al centro storico, l’Amministrazione comunale ha progettato e reperito fondi per creare un’importante rete di piste ciclabili, con un investimento di oltre 380.000 euro; in questo investimento sono comprese anche due grandi aree alberate arredate come un bosco urbano Abbiamo destinato ben 576.000 euro per la ciclopista Ponte alle Forche – Porcellino collegata alla ciclovia del Chianti. Riguardo alla sicurezza idraulica, vogliamo ricordare che i borri, così come l’Arno, non rientrano nella competenza dei comuni, e quindi neanche in quella del comune di San Giovanni Valdarno. Come Amministrazione possiamo proporre progetti, discutere necessità, concordare interventi”.

“Tuttavia, abbiamo trovato risorse per 300.000 euro provenienti dalla Protezione Civile Regionale per effettuare un intervento su Borro al Quercio che garantisca la sicurezza dell’ospedale del Valdarno e de “La Gruccia”, il cui cantiere partirà questa estate. A questi si aggiungono i 450 mila euro, di risorse trovate da questa amministrazione comunale, per la realizzazione delle opere di protezione della sponda sinistra dell’Arno, davanti allo Stadio, erosa dalla piena del novembre 2019, i cui lavori si sono completati nell’estate dello scorso anno. Sempre nel campo della sicurezza idraulica grazie anche all’amministrazione precedente, oltre 1 milione di euro sono stati investiti per la realizzazione opere di protezione sugli argini leopoldini della sponda destra fra i due ponti, garantendo la sicurezza di tutto il quartiere Oltrarno. Abbiamo investito in tre importanti progettazioni relative all’Arno, a Borro al Quercio e al Borro di Vacchereccia per la messa in sicurezza e la difesa del suolo perché crediamo che siano scelte strategiche per la tutela del territorio: tre progetti che complessivamente assommano a oltre 11 milioni di euro che sono completi e in attesa di essere finanziati dalla Regione Toscana”.

“Se andiamo a guardare bene, queste descritte rappresentano solo una parte delle ricadute economiche arrivate da un grande impegno progettuale degli uffici.
Certo, gli uffici hanno lavorato anche per progetti legati alla cultura come promesso nel nostro programma elettorale. Abbiamo dimostrato spesso disponibilità a confrontarci proficuamente e concretamente su molti temi e raggiunto anche risultati concreti interessanti ma, se si utilizza questo linguaggio (“pericolosamente” , “vergognoso”, “caos”,ecc.) per creare malcontento nei cittadini e distorcere la percezione della realtà rispondiamo serenamente che preferiamo continuare a lavorare per i cittadini e non ci interessa questo livello di dialogo. Noi restiamo aperti al confronto e al dialogo su questioni concrete, siamo pronti ad affrontare le sfide del presente e del futuro, sui molti problemi ancora aperti, continueremo a lavorare con trasparenza, impegno e dedizione per il benessere di tutti i cittadini di San Giovanni”.

Articoli correlati