17, Agosto, 2022

Il comune partecipa a un bando di finanziamento con un progetto da 3 milioni e 600mila euro per completare il Polo di interscambio al Memorario

Più lette

In Vetrina

L’annuncio del sindaco Chiassai Martini: “Siamo pronti a partecipare al bando nazionale del Ministero dellEconomia, Interno e Infrastrutture, per contributi sulla rigenerazione urbana”

Ha un valore di oltre 3 milioni e 600mila euro, il progetto che permetterà di completare il Polo di interscambio ferro-gomma del Memorario, a Montevarchi: un progetto con cui il Comune, come ha appena annunciato il sindaco Silvia Chiassai Martini, parteciperà ad un bando del Governo per ottenere finanziamenti. L'area del Memorario, lungo via IV Novembre, è al centro di un progetto elaborato nel 2011, e di cui è stato completato il primo lotto (e cioè la fermata degli autobus) nel 2012: manca però il completamento dello snodo, che prevede l'interscambio ferro-gomma, visto che l'area è confinante e collegata alla stazione ferroviaria, e l'intermodalità con le bici.

Il progetto elaborato dall'Amministrazione comunale parteciperà al bando nazionale promosso dal Ministero dell’Economia, Interno e Infrastrutture,  per l’assegnazione di contributi sulla rigenerazione urbana, ed è inserito nel piano triennale dei lavori pubblici per un importo di € 3.624.000. 

 

“Abbiamo colto la possibilità di realizzare la nuova autostazione di interscambio tra treno, bus e cicli, riqualificando tutta l’area urbana del Memorario, con interventi contenuti già in un progetto del 2011, mai concretizzati – ha commentato Chiassai Martini – da sempre attenti a sfruttare tutte le occasioni di finanziamento che si presentano a livello nazionale, questo progetto parteciperà al bando per l’assegnazione di contributi per investimenti finalizzati alla rigenerazione urbana e alla mobilità sostenibile, permettendo alla nostra città di fare un ulteriore salto di qualità".

"La realizzazione del nuovo polo – ha aggiunto il sindaco – è finalizzato ad una visione di comunità e di ambiente che mira a migliorare la vivibilità cittadina e dei pendolari promuovendo forme alternative di spostamento senza il ricorso sistematico all’auto. E’ infatti indirizzato a orientare una parte significativa della mobilità verso il trasporto pubblico, recuperando gli spazi urbani e potenziando i servizi messi a diposizione che sono necessari anche per un cambiamento culturale del settore".

"L’area si estende per 6300 metri quadrati e interessa la stazione dei bus, dei cicli, percorsi pedonali e viari di collegamento verso piazze e vie in cui stiamo già procedendo alla ristrutturazione come i lavori importanti in fase di ultimazione lungo la via Roma per migliorare l’aspetto e la percorrenza dell’arteria principale del centro storico. E’ prevista anche la realizzazione di nuovi parcheggi su via della Sugherella con il potenziamento di quello esistente nei pressi del sottopasso ferroviario", spiega la prima cittadina. 

"Una rigenerazione urbana che sarà funzionale – conclude Chiassai – nel comune più grande del Valdarno, a trasformare Montevarchi nel baricentro di una mobilità sostenibile e alternativa che punterà sul treno, sui mezzi pubblici, sui mezzi ciclabili, anche nell’ottica di un investimento in chiave turistica del nostro comune. Siamo soddisfatti di contribuire così a mettere un altro tassello concreto sul futuro della nostra città”.  

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati