15, Giugno, 2024

Ottobre Rosa, il mese dedicato alla prevenzione e alle donne ha illuminato i monumenti del Valdarno

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

È stato un mese di ottobre speciale per Andos Valdarno Onlus, l’Associazione Donne Operate al Seno: il mese della prevenzione oncologica contro il tumore al seno, celebrato illuminando di rosa molti monumenti e luoghi simbolo del Valdarno. Un modo per ricordare a tutti l’importanza della prevenzione che rende questa malattia tutta al femminile sempre più superabile ma anche per sostenere le tante donne che stanno combattendo in prima persona questa battaglia.

In Valdarno sono stati illuminati di rosa Palazzo d’Arnolfo di S. Giovanni e Palazzo Pretorio di Montevarchi, al termine della prima Camminata in Rosa, ma anche le Scuole elementari di Terranuova, la Torre Guinigi di Laterina, il Comune di Pergine e di Cavriglia, la Chiesa parrocchiale di Loro Ciuffenna e la Chiesa del Giglio a Montevarchi. Fino alla splendida e millenaria Pieve di Gropina, che è diventata il simbolo della campagna di Andos Valdarno. Una catena di impegno e solidarietà che ha coinvolto le Amministrazioni comunali, i Sindaci Valentina Vadi, Silvia Chiassai Martini, Sergio Chienni, Simona Neri, Moreno Botti e Leonardo Degli Innocenti o Sanni, le Associazioni locali e le parrocchie, ma anche tanti volontari: persone che hanno messo a disposizione le proprie attrezzature e il proprio tempo per consentire alle notti valdarnesi, come è successo in tutta Italia, di risplendere di rosa.

“Un modo per tutti noi di essere vicini a tutte le donne – commenta Andos Valdarno – ci piace ricordare quest’anno, senza voler dimenticare tutti gli altri in un unico, grande e simbolico abbraccio, gli amici di Loro Ciuffenna: Don Aimé e don Leonsio, l’elettricista (volontario e non retribuito) Natale Simoni, il custode (ad onorem) di Gropina Lorenzo Castelli, Mauro Bigazzi per le fotografie e l’Associazione ‘Amici di Gropina’. L’appuntamento è al prossimo anno, con un ottobre ancora più rosa!”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati