18, Luglio, 2024

Opere per 300mila euro nelle zone vicino alla discarica. L’atto di indirizzo nei due consigli comunali

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

I Comuni di Terranuova e San Giovanni porteranno all’approvazione nei rispettivi consigli comunali un atto di indirizzo per destinare la somma alla realizzazione di opere di mitigazione e compensazione in favore delle popolazioni residenti nella zona della discarica di Podere Rota. Prevista anche la diminuzione del livello tariffario

Interventi sulla viabilità, creazione di aree verdi attrezzate e piste ciclabili, fontanelli e la diminuzione del livello tariffario. Per i cittadini residenti nella zona della discarica di Podere Rota sono in arrivo opere di compensazione e mitigazione dei disagi subìti grazie a 300mila euro annui che le amministrazioni comunali di Terranuova e San Giovanni hanno deciso di impegnare fino al 2021. Altro aspetto importante è l'omogeneizzazione delle tariffe tra i residenti terranuovesi e sangiovannesi della zona della Badiola. L'accordo di indirizzo adesso passerà nei due consigli comunali.

Sergio Chienni, sindaco di Terranuova: "Si tratta di prestare attenzione alle popolazioni che stanno vicino all'impianto di Podere Rota e che ne subiscono il disagio per quanto riguarda in modo particolare i problemi odorigeni. È un atto giusto e che prevede 300mila nel quinquennio 2017-2021 per interventi ai terranuovesi e ai sangiovannesi che stanno a ridosso dell'impianto. Gli interventi che dovranno poi essere concordati tra i due consigli comunali riguarderanno il miglioramento della viabilità, la realizzazione di piste ciclabili, aree verdi attrezzate: tutto ciò che serve a migliorare il contesto. Era importante dare questo tipo di risposta. Per ottenere questo risultato abbiamo cercato di minimizzare l'impatto sulle risorse dell'amministrazione comunale: abbiamo sottoscritto quindi un accordo che va a implementare il disagio ambientale di 200mila euro che deriveranno dal conferimento di rifiuti speciali non pericolosi al di fuori della Provincia di Arezzo. Questi rifiuti venivano già accolti nell'impianto di Podere Rota ma adesso riceviamo una compensazione maggiore. L'effettiva risorsa per l'amministrazione comunale di Terranuova sarà di 100mila euro l'anno".

 

Maurizio Viligiardi, sindaco di San Giovanni: "Con questo accordo si va a sanare un'ingiustizia legata al fatto che San Giovanni è il comune che subisce con maggiore effetto il disagio dell'impianto di Podere Rota senza avere un riconoscimento economico. In parte oggi questo viene sanato: ai cittadini di Oltrarno, viale Gramsci e Calambrone, le zone più colpite dai problemi odorigeni, arriveranno benefici concordati con il Comune di Terranuova e finanziati con le somme decise dall'accordo. È stata una discussione lunga che deriva anche da un precedente accordo con la passata amministrazione: devo riconoscere a Sergio Chienni una particolare sensibilità che ha permesso di arrivare a questo accordo. Il denaro verrà utilizzato a beneficio di quelle popolazioni, non eviterà problemi futuri e non sanerà completamente quelli passati ma credo che fino alla fine di vita dell'impianto un beneficio economico vada a quelle popolazioni che maggiormente sono colpite dalla presenza di Podere Rota".

 

Prevista anche l'omogeneizzazione delle tariffe per la zona di Santa Maria – Badiola: "FInora c'era una discrepanza tra i cittadini – sottolinea Sergio Chienni – Anche questo è un intervento dovuto di equità e di giustizia".

Articoli correlati