23, Luglio, 2024

“Oltre la barriera”, un triangolare di calcio contro il razzismo. Martedì al Del Buffa anche vecchie glorie della serie A

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

“Oltre la barriera” è l’evento sportivo che si terrà a Figline martedì. Appuntamento allo Stadio “Del Buffa” per sensibilizzare al tema dell’inclusione sociale. In campo anche ex giocatori del calcio italiano.

Un triangolare di calcio per superare il razzismo e per favorire l'inclusione sociale. E' questo l'ambizioso obiettivo di "Oltre la barriera. una partita da vincere!".

In programma una serie di iniziative martedì allo stadio Del Buffa: un triangolare di calcio, promosso da Rete Europea Risorse Umane (Rerum) e il Comune di Figline e Incisa Valdarno, in collaborazione con Fondazione Migrantes, Istituto Universitario Sophia, Fondazione Spazio Reale e gli Sbandieratori dei Borghi e Sestieri Fiorentini, che si inserisce all’interno del progetto di integrazione e di inclusione sociale “Intercultura 2.0. La città plurale. Verso un nuovo Umanesimo”.

Ed è proprio dalla volontà di sensibilizzare a questi temi che nasce l’idea dell’evento sportivo che si terrà, in quattro tempi, allo Stadio comunale “Goffredo del Buffa” dalle ore 18 alle 21 (apertura cancelli ore 17,30, ingresso 5 euro).

Il primo tempo sarà dedicato alla presentazione delle associazioni che si occupano di educazione, formazione, solidarietà, accoglienza e integrazione, sia in ambito locale che nazionale, con la presentazione della mostra fotografica “Semplici fatti del quotidiano”, a cura del fotografo sociale Johnny Ghinassi che ha intrapreso un viaggio fotografico nella comunità marocchina del Valdarno.

Il secondo tempo sarà invece quello in cui si svolgeranno le partite. A giocarle saranno alcuni rappresentanti delle associazioni coinvolte, ma anche giornalisti, attori, cantautori, ragazzi disabili e calciatori professionisti in attività e non, tra cui Damiano Tommasi, Nicola Legrottaglie e Simone Perrotta. Nel terzo tempo, si procederà poi alla premiazione dei vincitori, con l’esibizione degli Sbandieratori e soprattutto con lapresentazione della Carta dei Valori: una sorta di manifesto, che riassume valori e contenuti portati avanti in questo progetto di intercultura, da condividere con tutti i partner e le associazioni aderenti all’iniziativa.

A seguire il quarto tempo: un incontro che si terrà nel prossimo autunno, finalizzato a creare un percorso educativo e di inclusione sociale, coinvolgendo non solo gli aderenti a questa iniziativa, ma anche altre realtà (associative e non) e le istituzioni.

“Iniziative di questo tipo sono sempre accolte con entusiasmo dalla nostra Amministrazione – commentano la sindaca Giulia Mugnai e gli assessori Ottavia Meazzini e Mattia Chiosi – che, in linea con il progetto Intercultura 2.0, riserva particolare attenzione ai percorsi di integrazione, di cittadini e non. Proprio nei giorni scorsi, infatti, è partito un progetto di inserimento sociale che coinvolge i migranti richiedenti asilo in attività di volontariato. Sulla stessa linea si colloca il ‘Baratto sociale’, un progetto già attivo da qualche mese, secondo cui i cittadini beneficiari di contributi economici comunali mettono a disposizione del tempo da dedicare alla collettività, accanto alle associazioni del territorio”.

Per informazioni e prevendita per l’evento: oltrelabarriera2.0@gmail.com; comunicazione@rerum.eu.

Articoli correlati