23, Luglio, 2024

Nina Zilli e i Verdena per la decima edizione del “Ne Pas Couvrir”: torna a luglio il festival dell’arte

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Il festival si terrà al Crossodromo di Miravalle a Montevarchi dal 3 al 5 luglio: tre giorni tra concerti, dj set, arte, specialità a chilometri zero e innovazione tecnologica. Nina Zilli e i Verdena in esclusiva toscana, e i live di 14 artisti, tra cui il rapper Dargen D’Amico

Saranno i Verdena e Nina Zilli alcuni tra nomi in cartellone per la decima edizione del Ne pas couvrir! Festival dell’Arte, l’appuntamento estivo con la musica e la creatività che si svolgerà dal 3 al 5 luglio al Crossodromo di Miravalle a Montevarchi. 

“Roots to wings", dalle radici alle ali, sarà il tema di quest’anno: tradizione e innovazione che si fonderanno in tre giornate di concerti, dj set, arte, esposizioni, specialità gastronomiche a chilometro zero e la novità di questa edizione, un laboratorio interamente dedicato a tecnologia e innovazione.
 
Si parte venerdì 3 luglio con una serata tutta dedicata alla musica elettronica. A fare gli onori di casa sarà il rapper, cantautore e produttore musicale Dargen D’Amico, accompagnato sul palco da Mamakass. Insieme a lui Q*ing, dj e producer tra i vincitori del bando per artisti emergenti indetto dal festival; gli Apes on Tapes, formazione che spazia dai territori dell’hip hop a quelli della bass music; i siciliani Omosumo, tra acid house e rock psichedelico; Capibara, artista romano tra hip hop e elettro, il producer piacentino Go Dugong, con il suo suono sensuale e psichedelico e Dj Khalab, precursore della contaminazione tra ritmi africani e beat digitali.
 
Sabato 4 luglio riflettori puntati sui Verdena, una delle band alternative più longeve del panorama italiano, che presenterà inesclusiva toscana il nuovo album “Endkandez Vol.1”, uscito a gennaio. Prima di loro tre giovani realtà emergenti selezionate dal festival: l’inglese Simon Batten, cantautore soul blues con base ad Oxford, la rock band Velodrama e i Neurodeliri, gruppo del Valdarno dall’anima post hardcore con uno stile contaminato da varie e differenti influenze musicali. Si continua con i suoni retrò dei Thegiornalisti e si chiude con Basic Djs, un progetto che parte dalla cultura del clubbing e dalla musica elettronica per ricercare nuovi percorsi stilistici.
 
Sarà Nina Zilli, una delle voci più interessanti del panorama italiano contemporaneo, la star dell’ultima giornata del festival, domenica 5 luglio. Con due dischi di platino e tre d’oro all’attivo e alle spalle tre partecipazioni a Sanremo, capace di spaziare dal soul al blues, dal pop-rock al reggae, in occasione della sua unica data in Toscana, Nina presenterà il suo ultimo album“Frasi&fumo” accompagnata dalla Smoke Orchestra.
 
Novità di questa edizione sarà il NPCLab, uno spazio pensato per far conoscere e vedere in azione i risultati delle piùrecenti innovazioni tecnologiche. In esposizione dalle penne 3d alla piattaforma elettronica open-source Arduino, dalle performance digitali alla programmazione di videogiochi, in collaborazione con importanti realtà del settore. “Il Ne pas couvrir! mette le ali ma non dimentica le sue radici – spiegano gli organizzatori – cresce e cambia, restando fedele al principio che ha ispirato la nascita del festival 10 anni fa, ovvero creare un movimento di idee, persone ed emozioni”.
 
Torna NPCfood, il mercato enogastronomico che per l’occasione sarà ampliato e rinnovato, dove si potranno gustare piatti della cucina tradizionale toscana rigorosamente a km 0 e con attenzione a tutti i palati, con alternative vegetariane e vegane. Spazio anche all’arte, con l’area expo dedicata ad artisti emergenti e non che creeranno installazioni capaci di integrarsi con il paesaggio circostante, e all’artigianato con il nepasMARCHE’.
 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati