28, Settembre, 2022

Matrimoni civili anche fuori dalle sedi comunali, via libera dal comune di Bucine

Più lette

In Vetrina

Oltre sessanta richieste per il fatidico ‘sì’ nel comune di Bucine. Da quest’anno cerimonie civili al di fuori dalla sede municipale. Benini “un modo per valorizzare il nostro patrimonio locale”

Tante le domande da parte di cittadini e turisti stranieri di poter celebrare i propri matrimoni in località e strutture della Valdambra. Da quest'anno, il comune di Bucine permetterà, alle coppie che lo vorranno, di tenere la propria cerimonia civile in specifici e suggestivi luoghi così da valorizzarne il territorio.

La decisione è stata approvata durante l'ultimo consiglio comunale, che, con una modifica al regolamento sui matrimoni permetterà di estendere la possibilità di celebrare matrimoni e unioni civili, oltre alle sedi comunali, in strutture ricettive, edifici, ville e luoghi dal particolare valore storico, architettonico, ambientale o artistico che risultino idonei ai fini delle celebrazioni.

Le nuove strutture saranno inserite nel sito del comune di Bucine e nel portale Visit Valdarno, a questo proposito, nei prossimi giorni sarà pubblicato un nuovo avviso pubblico per consentire alle strutture private di attivare il riconoscimento ed ottenere l'autorizzazione allo svolgimento dei matrimoni presso la propria struttura.

"Abbiamo la fortuna di avere nel nostro territorio luoghi di straordinaria suggestione, di inestimabile valore paesaggistico, naturalistico ed architettonico – ha dichiarato il sindaco Nicola Benini – la celebrazione dei matrimoni civili fuori dalla sede municipale, pratica già avviata dal nostro comune, come in altri comuni del Valdarno e soprattutto in quelli turistici, è un modo per valorizzare questo patrimonio. Offrire ai cittadini e, perché no, ai turisti, la possibilità di vivere un momento importante come il matrimonio civile, in contesti unici come il nostro territorio, rappresenta un'ottima opportunità per la Valdambra."

"Un ringraziamento particolare va a tutti i dipendenti che lavorano con grande impegno e spirito di servizio – conclude Benini – come dimostrano nei mesi estivi, quando si rendono disponibili anche il sabato e la domenica per celebrare matrimoni."

"Con l'istituzione degli uffici separati di stato civile – afferma Annamaria Lamioni, assessore al bilancio – rispondiamo alla domanda diffusa dei cittadini e dei tantissimi turisti stranieri che ci hanno segnalato questa richiesta. Per il 2020 abbiamo già oltre sessanta richieste, con cui andiamo ad offrire un'opportunità che può diventare nel tempo anche un valido sostegno all'economia locale."

 

 

 

Articoli correlati