03, Dicembre, 2022

Famiglie contro la chiusura della scuola paritaria di Mercatale. Tanzini: “Questione delicata, farò di tutto per il mantenimento”

Più lette

In Vetrina

I genitori di Mercatale attendono risposte da parte della diocesi per il destino della scuola materna. Il sindaco di Bucine: “La scuola è una presenza fondamentale, lavoreremo per chiarire e risolvere tutte le controversie”

Dopo che la diocesi ha annunciato la chiusura per il prossimo anno scolastico dell'asilo Santa Rita a Mercatale, i cittadini hanno fatto sentire la loro voce a tutela della scuola: al loro fianco si è schierata la prima cittadina di Montevarchi, comune con il quale è divisa la frazione; e anche il sindaco di Bucine, Pietro Tanzini, ha difeso la necessità di un plesso scolastico per tutte le famiglie della frazione.

"Purtroppo è una storia che si ripercuote da qualche anno – afferma il sindaco Tanzini – il ridimensionamento dei bambini nelle nostre scuole porta a delle ovvie difficoltà. Il comune di Bucine ha sempre sostenuto la scuola di Mercatale con i servizi annuali di 21mila euro, come stabilito da legge elettorale, erogati in percentuale, ma la questione, adesso, riguarda soltanto la diocesi, la cui volontà, ad oggi, è la dismissione della scuola. Per nostro conto la scuola deve esserci ed abbiamo già incontrato la diocesi e fatto alcune richieste alla FISM, tuttavia, ciò che speriamo è che i privati, le cui relazioni attualmente sono in corso, possano trovare un'intesa nella quale poi l'amministrazione comunale possa garantire l'efficienza dell'attività".

Nel frattempo il comitato di mamme e papà di Mercatale ha dichiarato la loro opposizione alla chiusura della scuola materna. "Preservare queste piccole realtà è importantissimo per il nostro territorio. – dichiara Simona Tortoli – la possibile chiusura dell'asilo sarebbe un grave disagio per le attività, l'economia del paese ma soprattutto per i bambini che perderebbero un ambiente così accogliente e delicato, quasi da contesto familiare". 

"Le proposte da parte nostra sono state tante – continua Tortoli – abbiamo sentito delle aziende, ci siamo offerti di gestirlo noi genitori e così via, con nostro rammarico la chiesa ha dimostrato una forte indisponibilità e tutt'oggi attendiamo una risposta chiara, offrendo sempre tutto il nostro appoggio per contribuire a mandare avanti l'asilo".

Intanto, per gli interessati, il 16 dicembre vi sarà un incontro a favore della riapertura dell'asilo a Montevarchi tra i mercatini di Natale: il Comitato dei genitori parteciperà, difatti, con la sua bancarella assieme a tutte le altre scuole del comune di Montevarchi.

Articoli correlati