28, Settembre, 2022

Lavori su via Gorizia, il Pd ribadisce: “Per noi situazione indecente, altro che propaganda disfattista”

Più lette

In Vetrina

Non è piaciuta alle consigliere Pd Bertini e Neri la risposta della prima cittadina Chiassai alle loro critiche, per lo stato in cui si trova via Gorizia, lasciata aperta al traffico nonostante il cantiere. “Quella strada è fonte di potenziale pericolo. Prendiamo atto che per Lei non è così”

Non si ferma a Montevarchi il botta e risposta fra il gruppo Pd con le consigliere Elisa Bertini e Francesca Neri, e la prima cittadina Silvia Chiassai Martini. Al centro c'è la situazione di via Gorizia, dove è aperto un cantiere per opere di urbanizzazione e rifacimento del fondo stradale e dei marciapiedi, ma nonostante questo la decisione del comune è stata di lasciarla aperta al traffico. Una situazione indecente, secondo il Pd; una soluzione adottata nell'interesse di tutti i cittadini, aveva replicato Chiassai, accusando le consigliere dem di propaganda disfattista. 

"Il Sindaco Chiassai si conferma allergica alle critiche, anche le più elementari e di buon senso, tanto da scomodare addirittura la “solita propaganda disfattista dell'opposizione”, termini che non sentivamo dagli anni Ottanta", commentano Bertini e Neri oggi. "Eppure Signora Sindaco non c'è proprio niente di disfattista o di propagandistico nel segnalare che lasciare aperta la circolazione su una strada in quelle condizioni è potenziale fonte di pericolo per chi vi transita. Prendiamo atto che per Lei non è così e che dunque la circolazione su via Gorizia si svolge in piena sicurezza". 

"Prendiamo atto anche – aggiungono le consigliere Pd – che per Lei è comunque decente far transitare auto, biciclette e pedoni in mezzo al fango e alle buche su una strada sterrata in pieno centro città e portare detriti fin all'inizio di via Roma. Non regge neanche la motivazione di “non impattare troppo sulle scuole e sul centro storico” dal momento che quella strada è stata in uscita dal centro per un decennio senza creare problemi maggiori alla circolazione rispetto all'attuale e comunque, se questo fosse stato il timore, bastava svolgere questo intervento come ancora buon senso richiedeva in periodo estivo a scuole chiuse". 

"Non vediamo poi – chiude la nota delle due consigliere – come si possa mancare di rispetto ai tecnici, visto che il ripristino della circolazione ogni giorno al termine dei lavori è stata imposto dall'Amministrazione Comunale, fra l'altro allungando certamente i tempi dell'intervento stesso, limitando l'attività del cantiere e costringendo proprio i tecnici e l'impresa esecutrice ad un surplus di lavoro. Ci spieghi, infine, il Sindaco perché sul viale Diaz e su piazza Garibaldi la chiusura al traffico di via Gorizia non è adeguatamente segnalata con idonea segnaletica. Noi non siamo contrari ai lavori e ai cantieri, ma chiediamo che i lavori si svolgano in sicurezza e con buon senso. Chi assume decisioni, invece, se ne prenda tutta la responsabilità, sapendo anche quando è necessario modificarle". 

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati