17, Aprile, 2024

La sabbia non piace alla Mefisto, inizia male la stagione di Piccinini e Gualdani

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Prova sottotono per i due piloti del team terranuovese impegnati nella prima prova del Campionato italiano Enduro su fondo sabbioso. Problemi fisici, terreno difficile e qualche caduta

Ci si aspettava decisamente di più dai due piloti della Mefisto Racing Nicola Piccinini e Luca Gualdani, impegnati domenica 29 marzo nella prima prova del Campionato italiano Enduro 2015. Acciacchi fisici, un terreno difficile da domare e un po' di sfortuna hanno caratterizzato la trasferta all'autodromo South Milano di Ottobiano.

La gara sperimentale inaugurava la nuova stagione con un cross test e un enduro test su fondo sabbioso, da correre su due diversi tracciati ricavati nell'autodromo e un prato sul finale.

Prova subito in salita per Nicola Piccinini, su Tm 300, costretto a correre con un osso del piede rotto pochi giorni prima in allenamento. Due botte rimediate subito sullo stesso rischiavano di compromettere la gara per il dolore, ma nella gara della domenica il dolore si è attenuato quel tanto necessario per chiudere al terzo posto della classe E3 Under 23 dopo una bella rimonta.

Difficoltà anche per Luca Gualdani, su Tm 125, che non è riuscito a trovare il feeling né con il terreno, né con la tipologia di gara. Per lui solo un bell'exploit nella manche di cross: partito tra i primi ha lottato per la terza posizione fin quando una caduta lo ha costretto ad accontentarsi del settimo posto. Per lui solamente un sesto posto nella E1 2T Senior. I due piloti del team terranuovese torneranno in pista il 25 e 26 aprile a Pietramontecorvino (Foggia) per riscattarsi.

Articoli correlati