29, Maggio, 2024

La Power One Italy Spa chiede la messa in mobilità di 44 lavoratori. Intervengono i sindacati

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

L’azienda terranuovese che opera nel settore delle energie rinnovabili chiede l’apertura delle procedure per la messa in mobilità di 44 dipendenti sui 621 in organico. Giovedì ulteriore incontro con i sindacati

Power One Italy spa, sede italiana della multinazionale leader nel settore delle energie rinnovabili e degli inverter fotovoltaici acquisita nell'aprile 2013 per un miliardo di dollari da ABB, ha richiesto la procedura di messa in mobilità per 44 dipendenti sui 620 in organico. I sindacati intervengono: richiesto per giovedì un ulteriore incontro con l'azienda.

Le motivazioni di Power One sono da ricercare nella diminuzione dei ricavi a causa della crisi, della recessione nel settore del fotovoltaico, di nuovi competitor asiatici. Si parla di perdite nel 2013 e 2014 di oltre 50 milioni di euro. Per questo la società ha annunciato le necessità di rivedere l'organico attraverso la mobilità.

Dal canto loro Cgil, Cisl e Uil intendono ridurre il numero degli esuberi, oggi 44 pari al 7% dei dipendenti, e di creare le condizioni per mantenere i livelli occupazionali ottimali nel futuro.

Nell'incontro di giovedì i sindacati hanno richiesti a Power One documenti e dati precisi per poter prendere decisioni opportune per rilanciare lo stabilimento terranuovese.

 

Articoli correlati