02, Febbraio, 2023

Keu, l’assessore regionale Monni ha incontrato i sindaci. Nicola Benini: “Non c’è rischio immediato per la salute pubblica”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Dopo l’annuncio della revoca delle autorizzazioni per l’impianto di inerti e movimento terra di proprietà dei Lerose a Levane e dei controlli da parte di Arpat, l’assessore regionale all’ambiente Monia Monni ha incontrato i sindaci dei comuni interessati dalla vicenda Keu. Presente in videoconferenza anche Nicola Benini, sindaco di Bucine.

“Una riunione – ha spiegato l’assessore – con i sindaci e le amministrazioni locali, realizzata grazie al supporto di Arpat, per condividere con trasparenza e puntualità tutte le informazioni e le attività che stiamo portando avanti. Abbiamo illustrato nel dettaglio le peculiari situazioni di ciascun sito e condiviso i contenuti dell’intervento finanziario aggiuntivo che la Regione ha messo in campo per supportare la complessiva attività di Arpat”.

“Dobbiamo conciliare attenzione e celerità – ha concluso l’assessore – e non è certamente facile quando ci troviamo davanti a procedimenti così complessi. Ma, ribadisco, tutta la nostra attività è finalizzata ad assicurare la massima tutela della salute e dell’ambiente”.

Soddisfatto dell’incontro Nicola Benini: “Non c’è rischio immediato per la salute pubblica, gli effetti si vedrebbero dopo molti anni. Questo ci consente di fare verifiche ed approfondimenti insieme ad Arpat. Le modalità d’intervento saranno diverse: l’area di cantiere, autorizzata, la bonifica verrà seguita completamente dalla Regione, il materiale stoccato, invece, dovrà essere controllato e questa fase sarà gestita dal Comune insieme ad Arpat ed alla Regione. Non c’è comunque rischio immediato: eventuali rilasci nelle falde acquifere necessitano di anni”.

Articoli correlati