19, Agosto, 2022

Incendi di Levane, il sindaco Benini: “Massima attenzione, non crediamo alla casualit”. Chiassai incontra il Prefetto

Più lette

In Vetrina

Il sindaco di Bucine ribadisce: “Tutte le Istituzioni ora devono dedicare la massima attenzione a questa vicenda, non possiamo pensare ad una coincidenza”. La presidente della Provincia e sindaco di Montevarchi, Silvia Chiassai Martini, questa mattina ha incontrato il Prefetto di Arezzo: “Abbiamo chiesto maggiori controlli delle forze dell’ordine e celerit nelle indagini”

È alta l'attezione delle istituzioni su quanto avvenuto nell'area industriale di Levane. Due incendi nel giro di una settimana esatta, in due stabilimenti a pochi metri di distanza l'uno dall'altro, entrambi tra l'altro con produzione a pieno regime e ordinativi importanti, non possono essere considerati una casualità, ma sono un segnale preoccupante da non sottovalutare. Lo ribadisce, questa mattina, il sindaco di Bucine, Nicola Benini, che è tornato ancora una volta in via Valiani, per vedere di persona i danni allo stabilimento Lem, fortunatamente meno gravi del previsto. 

"Dopo quanto accaduto alla Valentino, questo nuovo incendio fa sorgere tanti dubbi e tante paure. Tutte le istituzioni insieme – sottolinea Benini – devono analizzare la situazione, ovviamente aspettiamo tutte le verifiche dei Vigili del fuoco, che hanno messo sotto sequestro anche questo stabilimento; però io da ieri sera sono in contatto con il Capo Gabinetto del Prefetto e ho chiesto l'apertura di un tavolo perché a questo punto, con due episodi ravvicinati e nella stessa zona, alla casualità comincio a crederci poco. Da parte mia e di tutte le istituzioni c'è la massima attenzione, cercheremo insieme alle aziende di capire come attenzionare la situazione anche nel breve periodo, e voglio approfondire con forze dell'ordine e Prefettura per capire cosa sta succedendo in questa zona". 

 

 

Intanto i Vigili del fuoco, che hanno messo i sigilli anche a questo stabile, hanno acquisito le immagini della videosorveglianza. Questa volta potrebbero esserci elementi importanti di prova, che farebbero propendere per il gesto doloso. L'incendio potrebbe essere partito in un arco di tempo preciso, e comunque dopo le 20,10, quando il proprietario ha lasciato, per ultimo, lo stabilimento. Le fiamme erano già ben visibili intorno alle 20,45.

Questa mattina il sindaco di Montevarchi e presidente della Provincia, Silvia Chiassai Martini, ha avuto un incontro con il Prefetto di Arezzo: "Il Prefetto ci ha ricevuto, abbiamo chiesto una particolare attenzione e celerità delle indagini, nel visionare le telecamere: ieri erano iniziati gli esami delle immagini relative alla Valentino, ci auguriamo che al più presto si inizi con quelle legate alla Lem. Abbiamo chiesto anche un rafforzamento delle Forze dell'ordine per quanto riguarda il controllo serale nella zona, perché gli imprenditori di quell'area sono molto preoccupati e quindi è importante dare un segnale forte subito, fin da stasera, potendo disporre di più pattuglie. E poi, ovviamente, resta la richiesta di celerità nelle indagini: due eventi di questo tipo, a danno di due aziende vicine, fanno pensare e preoccupare. Aspettiamo dunque le indagini per fare chiarezza". 

Chiassai ha poi confermato che in mattinata sono partiti i controlli di Arpat e Asl sulle emissioni in ambiente: "Ieri sera ero sul lugoo, c'era un forte odore acre e il fumo che ha invaso tutta la zona, ma ha bruciato principalmente plastica: non ci dovrebbero essere dunque conseguenze gravi per la salute, però i rilievi dovranno confermarlo e ci saranno indagini approfondite anche su questo aspetto". 

Ha collaborato Michele Bossini

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati