02, Dicembre, 2022

Il presidente della Sangiovannese Lorenzo Grazi: “Lega Pro in tre anni, ma se arriva una nuova multa ce ne andiamo”

Più lette

Il presidente ha incontrato la stampa per fare il punto della situazione e annunciato alcune novità per la prossima stagione. L’obiettivo è la Lega Pro in tre anni, ma la dirigenza è pronta ad andarsene se arriverano altre multe. Raduno fissato per il 27 luglio

Il presidente della Sangiovannese Lorenzo Grazi ha incontrato la stampa per fare il punto della situazione e parlare un po' dei programmi futuri.

L'obiettivo è chiaro: la Lega Pro nei prossimi tre anni, ma il numero uno azzurro e la sua famiglia, che lo affianca nella gestione della società, si dicono pronti ad andare via se da parte dei tifosi si ripeteranno atteggiamenti sopra le righe che porteranno a nuove multe.

"In due anni di gestione – ha detto il numero uno azzurro – abbiamo speso cifre importanti e raggiunto la serie D e questo ci colloca nella storia della Sangiovannese. La prossima settimana ci recheremo a Roma – continua Lorenzo Grazi – per l'iscrizione al campionato e salderemo i rimborsi per la stagione appena finita. La nostra intenzione è quella di tornare in Lega Pro nel giro di tre anni ma su una cosa dobbiamo essere chiari: fra multe, una partita a porte chiuse e due in campo neutro – sottolinea Grazi – alla fine ci abbiamo rimesso sui cinquantamila euro. Nonostante questo abbiamo deciso di andare avanti, ma alla prossima multa porteremo le chiavi al sindaco e ce ne andremo, senza se e senza ma. Inoltre ribadiamo l'invito all'imprenditoria cittadina ad aiutarci, a starci vicino con qualche cartellone pubblicitario in più, anche perchè il calcio – termina Lorenzo Grazi – è un patrimonio di tutti”.

Dopo questa serie di considerazioni, il presidente è passato ad illustrare questioni di natura tecnica, indicando che il prossimo campionato  sarà un anno di consolidamento, con l'obiettivo di fare bene. Alla partenze di Lepre e Muscas  si devono aggiungere quelle di De Gori e Romanelli, risultati troppo costosi. Certa la conferma di tutti i ragazzi nati fra il 1994 al 1996 già lo scorso anno nell'orbita della prima squadra cosi come sono stati  confermati i vari Frijio, Fedeli, La Rocca, Mugelli e Berti, mentre per quello che riguarda gli acquisti si mirerà a un difensore centrale,  a due centrocampisti e un attaccante.

Per quello che concerne l'assetto societario  Lorenzo e Gabriele Grazi resteranno presidente e vice,  Maurizio Grazi sarà direttore organizzativo mentre il nuovo direttore generale sarà Giampaolo Guardini. Presentati anche il nuovo direttore sportivo Tonino Stilo, il nuovo responsabile del settore giovanile Mauro Mugnai oltre ad Andrea  Buset, che il prossimo anno allenerà la squadra juniores nazionali.

Il raduno della squadra e il via alla preparazione sono fissati  per il 27 luglio, con nelle prime due settimane doppia seduta.

Articoli correlati