28, Settembre, 2022

Il corto “Ofelia” di Pierfrancesco Bigazzi vince il premio miglior film al Calabria Movie Film Festival

Più lette

In Vetrina

È “Ofelia” del regista valdarnese Pierfrancesco Bigazzi, racconto intimo e personale che conduce lo spettatore nel toccante terreno della memoria di una persona cara, ad aggiudicarsi il premio come miglior film alla 3° edizione di Calabria Movie Film Festival. La manifestazione dedicata al meglio della cinematografia breve con cortometraggi provenienti da tutto il mondo, si è tenuta dal 17 al 19 agosto a Crotone. Il premio è stato assegnato dalla giuria composta da Vinicio Marchioni, Francesco Costabile, Chiara Dainese e Maurizio Amendola.

Il premio, che consiste in una pregiata scultura raffigurante la regione Calabria avvolta da una pellicola cinematografica d’argento realizzata dall’orafo e scultore Antonio Affidato e in  300 euro, è stato assegnato dalla giuria con la seguente motivazione: “Abbiamo deciso di premiare questo film perché è un’opera sincera, senza infingimenti, piena d’amore, capace di raccontare il momento in cui la memoria diventa copia di se stessa, fino a diventare abitudine e dolore. Bigazzi, mostrandoci sua nonna, ci porta fare i conti con l’amore che rimane, un sentimento potente che lascia indelebili tracce nello sguardo di chi lo vivrà per sempre”.

“Sono molto emozionato – ha commentato il vincitore Pierfrancesco Bigazzi – nel ringraziare la giuria che ha votato il suo film. Mia nonna mi ha regalato tanto nella vita, spero di poter riuscire a portare avanti i suoi insegnamenti. Mi ha regalato anche questo corto, che mi sta portando in giro in Italia facendomi conoscere persone e festival meravigliosi come questo”. Il regista, classe 1988, nato a Figline Valdarno, nel suo cortometraggio ha sentito la necessità di documentare la memoria della nonna, rincorrendola, cercando di catturarla e fermarla nel tempo. Ci fa scoprire la protagonista novantaduenne, Ofelia, registrando il suo presente e riscoprendo il passato nei vecchi Super 8, per non perdere i suoi ricordi.

Il cortometraggio di Pierfrancesco Bigazzi nel 2021 è stato selezionato al Torino Film Festival.

Ad aggiudicarsi il premio Miglior regia è stato “Too Rough” di Sean Lìonad; il premio Miglior attore a Francesco Gallelli per “U figghiu” di Saverio Tavano; Miglior attrice a Deniz Altan per “The Criminals” di Serhat Karaaslan; il Premio Punto di ritorno, a “North Pole” di Marija Apcevska. E infine il Premio Confartigianato per la miglior produzione a “Unica” di Alessandro Marzullo. La giuria giovani ha assegnato il premio come miglior cortometraggio a “U figghiu” di Saverio Tavano, una storia dove si intrecciano tradizioni popolari e religiose, con la seguente motivazione. “U figghiu” di Saverio Tavano si è aggiudicato anche il premio della Giuria Popolare.

Articoli correlati