25, Maggio, 2024

Il Consiglio regionale approva il Progetto di Paesaggio del Pratomagno. Soddisfazione di Ceccarelli

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Via libera nell’ultima seduta del Consiglio regionale. Il consigliere Pd Vincenzo Ceccarelli: “Grande opportunità. Si conclude un percorso che ho voluto e condiviso con il territorio

È arrivato il via libera del Consiglio regionale al Progetto di Paesaggio per il Pratomagno. Si tratta del progetto creato, grazie a un finanziamento regionale di 100mila euro per lo studio di fattibilità, con lo scopo di attrarre fondi per il rilancio del territorio, in seguito al Protocollo d'intesa siglato nel 2018, tra Regione, Unione dei Comuni del Pratomagno, Unione dei Comuni montani del Casentino, i Comuni di Loro Ciuffenna (capofila), Terranuova, Castelfranco Piandiscò, Castiglion Fibocchi, Reggello, Pelago, Montemignaio, Castel San Niccolò, Poppi, Ortignano Raggiolo, Castel Focognano e Talla.

Soddisfatto per l'approvazione il consigliere regionale Ceccarelli: “Il Progetto di Paesaggio del Pratomagno rappresenta una grande opportunità per il territorio. Per la prima volta, grazie ad un percorso condiviso tra Regione e territorio, il Pratomagno ha uno strumento di unione per le due vallate che lo contengono non solo dal punto di vista urbanistico, ma di grande respiro con l’obiettivo di tutelare e valorizzare l'intera area con le sue specificità e la sua economia. Oggi si conclude un percorso che ho voluto e su cui mi sono impegnato negli anni scorsi e ringrazio l’assessore Baccelli per aver completato il lavoro.”

Ceccarelli, infatti, aveva dato il via al percorso durante il suo mandato da assessore regionale con delega al governo del territorio. “L’approvazione del Progetto permetterà di attrarre finanziamenti sul territorio perché, in coerenza con la programmazione dei fondi comunitari, agevolerà l’accesso ai fondi europei con premialità sui bandi regionali – spiega il consigliere – si cambia punto di vista, il territorio e il paesaggio non rappresentano più un vincolo bensì sono lo strumento per politiche innovative e di area vasta sulla conservazione delle peculiarità paesaggistiche e ambientali, la valorizzazione dei cammini e dei borghi storici in sintonia con gli indirizzi regionali del turismo lento e la promozione del turismo, il potenziamento delle micro economie e delle filiere produttive locali legate al legno, alle attività agricole e di allevamento tradizionali, all’artigianato e ad un sistema di accoglienza diffusa.”

“Nel corso degli ultimi anni l'impegno congiunto di Regione, amministrazioni comunali e stakeholder locali ha permesso di raggiungere risultati importanti per il Pratomagno – conclude Ceccarelli – tra cui la Carta dei Valori e la messa in sicurezza della viabilità su tutti i versanti. La Regione Toscana aveva già assegnato un contributo di 100mila euro per lo studio di fattibilità del progetto. Oggi questo percorso trova finalmente un compimento e si apre una pagina ricca di possibilità per questo splendido territorio.”

 

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati