04, Febbraio, 2023

Il Comune affitta una Lancia Delta. ‘Nuova Reggello’ insorge: “Un altro spreco di denaro pubblico”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Dopo i rimborsi per le trasferte adesso anche un’auto in affitto. 10.000 euro circa l’anno e per tre anni. La lista civica Nuova Reggello prende posizione e presenta un’interrogazione. “Uno spreco di denaro pubblico”

Con una determinazione del 7 gennaio 2014 il Comune di Reggello ha preso in affitto una Lancia Delta per una spesa di 9.777,36 euro suddivisa in rate di 814,78, comprensive di iva, dal 2014 al 2016. La lista civica Nuova Reggelo insorge e presenta un'interrogazione: "Un caso di spreco di denaro pubblico".

La vicenda viene alla luce dopo quella dei rimborsi della benzina per i componenti della giunta di Reggello non solo per le trasferte ma anche per recarsi in Comune e dopo le prese di posizione del Movimento 5 Stelle e di Rifondazione comunista che ritennero quel comportamento inaccettabile. 

Secondo la lista civica alcuni componenti della giunta hanno il rimborso delle spese della benzina e allo stesso tempo a disposizione la Lancia Delta.

"Perchè il Comune di Reggello spende 10 mila euro l’anno per il noleggio di una autovettura Lancia Delta mentre i componenti della Giunta continuano ad utilizzare il mezzo proprio ed a farsi rimborsare le relative trasferte, persino nei tragitti all’ interno del territorio comunale? – si chiede la lista civica – Al di là della legittimità dei rimborsi spese, prevista da specifica disposizione del TUEL, delle due l’una: se si sceglie la strada dei rimborsi ai mezzi privati, non si vede per quale motivo, oltre ai soldi per i rimborsi ai mezzi propri degli assessori e del sindaco, l’Ente debba impegnare ulteriori  risorse per il noleggio di mezzi esterni".

"La questione è semplice ma eclatante: con una determina dirigenziale di gennaio scorso, si confermava un impegno di spesa per il noleggio di una autovettura a Leasing, per i prossimi 3 anni, per  circa complessivi 30.000 euro. Noi chiediamo con una interrogazione urgente quale motivo e quale utilità abbia questo impegno di spesa, sopratutto ai fini di un risparmio sui costi della politica. Inoltre ci chiediamo chi utilizza questo veicolo, dato che gli assessori si spostano con il mezzo privato, il cui utilizzo viene poi rimborsato".

"Noi non facciamo demagogia a buon mercato, ognuno applica l’etica alla politica nel modo che ritiene più opportuno. Da oltre 1 anno giace in calendario in consiglio comunale una nostra mozione dove si chiedeva di impegnare giunta e consiglio alla rinuncia all’ indennità, di qualsiasi tipo, tanto per i consiglieri che per i membri della giunta. Questione che comunque dovrà essere affondata perché di questi tempi la politica è chiamata a dare il buon esempio".

"Ma oltre all’etica c’è un problema vero ed attuale che è quello del taglio dei costi e dei risparmi di spesa nella pubblica amministrazione, indispensabile anche nel nostro Comune. Non ci sembra che si vada in questa direzione, dato che la determina di impegno è del gennaio 2014 e vedrà impegnati fondi in bilancio sino al 2016".

Articoli correlati