28, Febbraio, 2024

“Fridays for Future” in Valdambra, le associazioni lanciano il primo evento e una richiesta di emergenza ambientale

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Dieci associazioni della Valdambra hanno firmato la richiesta di dichiarazione dello stato di emergenza climatica indirizzata al sindaco del comune di Bucine. Il 22 settembre, intanto, si svolgerà la prima passeggiata ecologica in un percorso lungo Ambra e dintorni

Anche la Valdambra segue "Fridays for Future": l'iniziativa mondiale per la settimana dal 20 al 27 settembre, con l'obiettivo di aumentare la consapevolezza sociale e politica sulla drammaticità del problema tramite la dichiarazione dello stato di emergenza climatica.

Sono dieci le associazioni del comune di Bucine che hanno deciso di firmare e aderire a questo movimento internazionale, organizzando per una settimana una serie di iniziative sui temi dell'ambiente e lanciando al sindaco di Bucine due richieste: allinearsi ad altri enti italiani ed internazionali dichiarando lo stato di emergenza climatica e attivare un piano di azioni concernenti il contrasto del cambiamento climatico.

"Un progetto che non vuole toccare soltanto Ambra e il comune di Bucine, ma tutta la vallata – ha detto Silvia Vugliano del gruppo "Luogo Pubblico" – questo primo evento è solo l'inizio di una serie di passeggiate ecologiche che organizzeremo in seguito, con lo scopo di sensibilizzare e far riflettere le persone verso queste tematiche. Sono certa che iniziando dal singolo, il quale apprenderà il buon esempio e le buone pratiche, arriverà a diffondere il messaggio all'intera comunità."

"C'è stata una bella risposta a livello associativo con persone attente e ben informate – conclude Vugliano – già durante la Sagra della Lumaca, la Pro Loco locale si è dimostrata molto consapevole servendo, ad esclusione dell'antipasto, tutti piatti e posate non monouso, escludendo, così, l'uso della plastica. Inoltre, sappiamo che il comune di Bucine è già ben orientato verso la delibera del plastic free. Tuttavia, data la situazione, pensiamo che sarebbe lungimirante per la tutela e la valorizzazione ambientale dichiarare lo stato di emergenza climatica: Bucine sarebbe il secondo comune in tutta la Toscana dopo Lucca e come capofila turistico di tutto il Valdarno sarebbe un bel messaggio e un'ottima riflessione per il nostro territorio."

Intanto, domenica 22 settembre, si svolgerà "Diamoci una mossa. Fridays for Future in Valdambra": una passeggiata ecologica con raccolta di rifiuti di vetro e di plastica lungo un percorso che partirà da Ambra fino a Pietraviva.

 

Articoli correlati