07, Dicembre, 2022

La scuola prende vita sullo smartphone. Ecco l’app dell’Isis Vasari: è stata sviluppata da due studenti

Più lette

In Vetrina

Mattia Bacci e Drilon Kurti, studenti del liceo scientifico, hanno messo a punto una app per l’Isis Vasari. Nei prossimi mesi verrà ulteriormente sviluppata: “Volevamo fare qualcosa di utile per tutti”. La scuola prende così vita sullo smartphone: dagli orari fino all’estrazione degli interrogati. E in futuro gli studenti potranno ordinare anche la merenda per l’intervallo.

Una app interamente dedicata agli studenti e ai professori dell’Isis Vasari. Ad avere la brillante idea e a svilupparla sono stati due ragazzi di terza liceo scientifico: Drilon Kurti e Mattia Bacci.
 
“Abbiamo questa passione per la programmazione e volevamo fare qualcosa di utile per la scuola. Abbiamo così pensato ad un app per agevolare la comunicazione tra i docenti e gli alunni” hanno raccontato i due studenti davanti ai professori dell’Istituto, presentando il loro lavoro. Il funzionamento è semplice, ma come raccontano Drilon e Mattia, adesso “il limite per l’utilizzo e i futuri sviluppi è rappresentato solo dalla fantasia”.
 
“ La pubblicazione delle notizie interne alla scuola – raccontano –  avviene tramite un sito web da noi sviluppato visitabile all'indirizzo isisvasari.altervista.org e che ricalca quello ufficiale della scuola. L’app, progettata inizialmente per android e che sarà disponibile su Google Play Store, notifica l'arrivo di nuove notizie ma permette agli studenti anche di scrivere l’orario in modo da tenerlo sempre a portata di click. Ovviamente abbiamo reso possibili anche le condivisioni con i social più famosi. Tutte le funzioni sono disponibili anche nel sito web in modo da rendere possibile la fruizione del servizio anche a quegli studenti e a quei professori che non possono scaricare l'app dal Play Store”.
 
Un progetto iniziato quasi per caso poche settimane fa, ancora in uno stato embrionale, ma che prossimamente amplierà le sue funzioni e verrà presentato anche agli studenti. “Obiettivo dare vita a una nuova scuola in versione 2.0, dove tutto può essere gestito in modo facile e veloce direttamente da PC e smartphone. Tra le funzioni che speriamo di aggiungere ci saranno probabilmente la prenotazioni dei laboratori scolastici che potrà essere effettuata direttamente dal personale scolastico e la prenotazione dei panini per l'intervallo della mattina”.
 
I docenti sono rimasti letteralmente estasiati dalla creazione di Drilon e Mattia, chiedendo anche la realizzazione di due versioni separate: una per gli studenti ed una  per il personale docente (per la gestione dei laboratori ma anche delle sostituzioni). La vicaria del dirigente scolastico, Maurizia Margiacchi si è complimentata con i due allievi annunciando il sostegno della scuola a questo progetto che verrà promosso anche all’esterno del Vasari.
 
Chi ha già testato l’applicazione sono le professoresse Paola Brembilla e Renata Bolzonella. Una delle funzioni più semplici ma anche originali di “Isis Vasari” è infatti l’estrazione degli interrogati. Sembra finita l’epoca nella quale gli insegnanti scorrevano il registro di classe con il tanto temuto indice. Uno dei primi a farne le spese è stato proprio Mattia. 

Articoli correlati