20, Luglio, 2024

Ecco il progetto per la videosorveglianza. Postazioni mobili e fisse: il piano inviato alla Prefettura

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

La giunta di Figline e Incisa ha approvato il progetto per la videosorveglianza. Nelle prossime settimane dovrebbero essere in funzione le telecamere. Previste postazioni fisse e mobili. Ecco il piano inviato all’osservatorio.

Dopo l’annuncio in conferenza stampa, la giunta ha approvato nei giorni scorsi il progetto per la videosorveglianza del territorio.
 
Le carte sono state inviate al Comitato Provinciale dell'Ordine e Sicurezza Pubblica per la sua successiva approvazione, come previsto dal Ministero dell’Interno. Il piano redatto è stato redatto dalla polizia municipale con l’obiettivo di fronteggiare sia il problema dei furti che del degrado alle stazioni ecologiche.
 
Il progetto prevede sia telecamere fisse che mobili. In particolare la municipale ha previsto per la sicurezza urbana l’installazione di “un portale costituito da tre telecamere: una di lettura targhe e due di contesto”, per monitorare l’accesso al territorio.
 
Per quanto riguarda invece il problema dell’abbandono dei rifiuti, il comando della polizia municipale ha “pensato all’acquisto di un dispositivo mobile, correlato di altri dispositivi “posticci”, da ubicare di volta in volta presso le eco-stazioni ritenute più critiche. A tale scopo è stata intrapresa un indagine finalizzata ad individuare la tecnologia adeguata alla realizzazione di quanto prospettato dove sono emerse delle caratteristiche”.
 
Come detto, il piano presentato dal comandante Alessio Pasquini, dovrà essere approvato dalla Prefettura. Solo successivamente al via libera e ad eventuali prescrizioni del comitato per l’ordine e la sicurezza verrà previsto un impegno di spesa in bilancio.

Articoli correlati