28, Novembre, 2022

Il Comune aderisce al protocollo di legalità della Prefettura. Misure contro l’infiltrazione della criminalità organizzata negli appalti pubblici

Più lette

In Vetrina

Con una delibera di giunta, l’amministrazione di Figline e Incisa aderisce al protocollo di legalità “per la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel settore degli appalti pubblici”, predisposto dalla Prefettura per la provincia di Firenze: “Potenziare gli strumenti di contrasto”

Un protocollo di legalità per tutti i comuni della Provincia. Il Comune di Figline e Incisa aderisce alle misure predisposte dalla Prefettura per combattere l’infiltrazioni della criminalità organizzata negli appalti pubblici. Un protocollo che verrà sottoscritto da tutti i Comuni alla presenza del sottosegretario del Ministero degli Interni, Domenico Manzione
 
 “Questo ente, in qualità di Stazione appaltante che affida appalti e concessioni – si legge nella delibera di giunti di pochi giorni fa – deveaderire al Protocollo in oggetto al fine di creare una unica rete di monitoraggio in ambito interprovinciale per potenziare gli strumenti di contrasto alla criminalità organizzata ed allo scopo di assicurare il rispetto della legalità e difendere la realizzazione delle opere da tentativi di infiltrazione mafiosa”.
 
Aderendo al Protocollo, “le stazioni appaltanti dovranno adeguare i propri bandi e contratti – inserendo le clausole indicate – e sovrintendere all’adempimento delle procedure previste per le imprese assegnatarie dei lavori, servizi e forniture, applicando – fin dalla data della sottoscrizione – le previsioni anche alle procedure di appalto in corso”.
 
Il protocollo di legalità nasce da un presupposto: “Le organizzazioni criminali – si legge – manifestano una crescente tendenza a ramificare la propria presenza anche in territori tradizionalmente estranei al proprio ambito di operatività, infiltrandosi nelle imprese e soffocando l'economia legale e la libera concorrenza. Il settore degli appalti pubblici, essendo a rischio di ingerenze da parte della criminalità organizzata, necessita quindi di una costante vigilanza da parte delle Pubbliche Amministrazioni interessate”.
 
Questo il protocollo di legalità che entrerà in vigore nei prossimi giorni.

Articoli correlati