28, Maggio, 2024

Covid, lettera aperta della Lista Civica al sindaco Cacioli: “Organizzi sul territorio uno screening di massa”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

La richiesta contenuta in una lettera firmata dai consiglieri Brunetti, Gagliardi e Morbidelli della Lista Civica

Una lettera aperta al sindaco di Castelfranco Piandiscò, Enzo Cacioli, affinché si attivi per organizzare screening di massa. A scriverla sono i consiglieri della Lista Civica, Gianmarco Brunetti, Orietta Gagliardi e Marco Morbidelli. "La pandemia – spiegano – attanaglia ancora molte famiglie, imprese e cittadini della nostra comunità ed assistiamo in questi giorni ad una ripresa del contagio, correlata anche alle varianti del virus che fanno paura ovunque e che drammaticamente riaprono una ferita anche nei nostri territori".

"La Lista Civica di Castelfranco Piandiscò chiede all’Amministrazione, e in prima persona al Sindaco, che la comunicazione fornita alla cittadinanza non si limiti al numero dei positivi presenti nel Comune, ma proponga pro-attivamente soluzioni concrete alla situazione che si sta determinando in questo momento. In molti comunità della vallata i comuni hanno aderito anche spontaneamente al progetto “Territori Sicuri”, con screening di massa, organizzati con prenotazione sul portale del proprio comune e con la collaborazione delle Misericordie, delle Associazioni e del Servizio Sanitario competente territorialmente".

"Sappiamo benissimo – continuano i consiglieri della Lista Civica – che tale attività è direttamente gestita da Regione Toscana, ma siamo altrettanto certi che l’autonomia e la responsabilità di un Sindaco in tema di salute per il proprio territorio possa sia presupposto per intraprendere percorsi in  autonomia a tutela della salute dei cittadini. L’Amministrazione ha il dovere preciso di andare oltre le semplici comunicazioni e dovrebbe a nostro parere assumere un ruolo attivo sia in termini progettuali che economici. Da molto tempo la Lista Civica chiede questo. Ad oggi nessuna risposta ad un atto dovuto per i nostri cittadini". 

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati