26, Giugno, 2022

Bilancio 2021-2023, opere pubbliche per 24milioni nei prossimi tre anni, investimenti anche in welfare e scuola

Più lette

In Vetrina

Intervengono gli assessori Francesco Pellegrini e Nadia Garuglieri

Approvato il bilancio di previsione 2021-2023 a San Giovanni. Importante ruolo viene svolto dalle opere pubbliche, con investimenti nei prossimi tre anni di 24milioni di euro, con priorità per lo sport, la scuola e per la manutenzione delle strade e del patrimonio pubblico. Le risorse saranno direttamente investite dal Comune oppure reperite attraverso utilizzo di finanza agevolata, come i mutui del credito sportivo (stadio) e i mutui BEI, bandi regionali, statali. Attenzione incentrata anche suwelfare e sulla scuola.

Fa il punto l'assessore Francesco Pellegrini: "In coerenza con il progetto di miglioramento e manutenzione della città, sono previsti investimenti per 9 milioni nel 2021, 13 milioni nel 2022 puntando al completamento e all’integrazione della rete di viabilità debole. Un milione e mezzo per la realizzazione del secondo lotto della ciclopista Arno e 300 mila euro nella ciclopista del Chianti. In programma la progettazione di interventi importanti sul patrimonio dell’edilizia scolastica (nuovo polo scolastico 0-6, interventi di riqualificazione statica ed energetica della scuola media masaccio e Marconi), per ammodernare gli edifici e renderli più accoglienti, sicuri ed energeticamente efficienti. Obiettivo quello di intercettare linee di finanziamento, come quella dei mutui BEI, finalizzate alla riqualificazione del patrimonio esistente".

Poi le strade: "Nel 2021, saranno spesi circa 700 mila euro in più rispetto agli interventi di manutenzione ordinaria previsti dall’accordo quadro. Oltre a questi infatti, già in corso anche in questi giorni, sono attese opere per la realizzazione della nuova rotatoria di via Maestri del lavoro, la ristrutturazione del tratto iniziale di viale Gramsci e la messa in sicurezza di 8 attraversamenti pedonali distribuiti sul territorio. Per il progetto 'Dopo di Noi', poi, sono attesi 1,5 milioni per un intervento alla palazzina ex vecris trasformata in una struttura residenziale ed un centro di assistenza per persone con gravi disabilità".

Edilizia sportiva e sicurezza idraulica: "Sarà avviato il progetto di recupero dell’area Ciantini-Calvani con 874 mila euro di investimento e si procederà all'adeguamento sismico dello stadio Fedini, attualmente in fase di progettazione. La spesa sarà di 1,5 milioni euro ma l'attuazione potrà essere realizzata solo attraverso il reperimento di fonti di finanziamento non comunali. Nel bilancio sono previsti inoltre 2,3 milioni complessivi per la messa in sicurezza idraulica del territorio, 1,25 milioni per la messa in sicurezza dall’erosione spondale del fiume Arno".

 

Welfare e scuola: Il pun to dell'assessore Nadia Garuglieri: "Nel 2021 continuerà l’impegno del Comune nel costruire una rete di relazioni, attraverso i patti di collaborazione, in attuazione del regolamento sui beni comuni, volto a valorizzare e coinvolgere tutti i soggetti del territorio istituzionali e non, a partire dalle associazioni di volontariato, secondo un modello di welfare civile dove l’intera società si fa carico del benessere di coloro che in essa vivono. Continueranno le azioni di sostegno alla persona e alla famiglia, come gli interventi di sostegno alimentare, sostegno abitativo, assistenza domiciliare e tutti quegli interventi di sostegno economico anche dovuti all’emergenza sanitaria in atto".

"Saranno implementati gli interventi di politiche sociali attive, volti a  recuperare fenomeni di esclusione e disuguaglianza dovute non solo a forme di povertà economica ma anche culturale ed educativa. La sospensione delle attività educative e didattiche in conseguenza all’emergenza sanitaria rischia di ampliare i divari sociali e le diseguaglianze. Per questo, nel bilancio, è previsto il sostegno ad  interventi di educazione e formazione come strumenti di inclusione attiva. Il progetto “soccorso educativo”, prima esperienza di service learning (cioè  esperienza di cittadinanza attiva come servizio alla comunità), ha l’obbiettivo di sostenere il percorso educativo di studenti delle scuole elementari e medie in difficoltà e a rischio di abbandono scolastico".

"Nel 2020 sono stati realizzati una decina di centri estivi e anche in questo anno saranno investite risorse per programmare e realizzare analoghe attività a carattere educativo e ricreativo da giugno a settembre. Prenderà vita il Progetto 0-6, il sistema integrato di educazione e di istruzione come modello didattico educativo già avviato in diversi comuni della nostra zona. Continuerà ad essere incentivata l’offerta formativa di terzo livello nel territorio affiancando ai percorsi di laurea triennali, già attivati nell’anno passato, quelli di formazione terziaria professionalizzante. Anche per quanto riguarda la disabilità l’obiettivo è quello di attivare servizi di inclusione attiva promuovendo e sostenendo progetti orientati a valorizzare l’ autonomia personale. Le risorse dell’Ente saranno implementate stimolando la progettazione e attraverso questa la partecipazione a bandi nazionali, regionali, europei".

 

Articoli correlati