19, Agosto, 2022

Bekaert, I commenti del sindaco Mugnai e dei sindacati

Più lette

In Vetrina

Dopo la visita del Ministro Luigi Di Maio i commenti del sindaco di Figline Incisa e dei rappresentanti sindacali

“La visita di oggi rappresenta un segnale di vicinanza del Governo e delle Istituzioni tutte ai lavoratori". Così il sindaco di Figline Incisa Giulia Mugnai ha commentato a caldo la visita del Ministro Luigi Di Maio alla Bekaert.

"Nonostante il mese di sospensione della procedura, infatti, l’attenzione sulla vertenza resta alta – ha commentato la Sindaca Mugnai – e come Comune, insieme proprio al Ministero, alla Regione e ai Sindacati, stiamo lavorando per cercare soluzioni per assicurare un futuro a questo stabilimento. Su questo punto, il Ministro Di Maio ha assicurato il suo impegno in prima linea alla ricerca di investitori credibili per avviare la reindustrializzazione del sito produttivo, oltre ad aprire alla possibilità della cassa integrazione per i lavoratori. In attesa del nuovo incontro tra le parti, fissato a Firenze per il 3 settembre, continueremo tutti ad appoggiare e a promuovere le manifestazioni e le iniziative degli operai, in presidio fino al 20 agosto in via Petrarca, per continuare a far sentire loro la vicinanza della comunità tutta”. 

 

Daniele Calosi, segretario generale della Fiom Cgil di Firenze: "Questa mattina il Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio ha fatto visita ai lavoratori della Bekaert di Figline Valdarno. Apprezziamo che il Ministro si sia assunto il duplice impegno di garantire la cassa integrazione straordinaria entro i termini della procedura, come da noi richiesto con la proposta di decreto, e di lavorare per trovare un soggetto imprenditoriale credibile, un investitore che permetta ai 318 dipendenti di continuare a lavorare. Come Fiom abbiamo sottolineato la necessità che sia convocato un nuovo incontro al tavolo del Ministero entro la fine del mese di agosto.”

Davide Materazzi, segretario responsabile UIlm Firezne – Arezzo: "La UILM ha apprezzato la visita istituzionale del Ministro Di Maio al presidio dei lavoratori Pirelli-bekaert di questa mattina, non solo perché con tale visita ha ribadito la vicinanza del governo italiano al fianco dei lavoratori e delle loro famiglie coinvolti, ma anche per gli impegni che il Ministro si è preso a nome dello stato italiano sulla possibilità di ottenere il tempo necessario per una concreta e duratura reindustrializzazione, anche lavorando alla realizzazione di un decreto che possa consentire l'utilizzo della cassa integrazione per cessazione affinché i lavoratori possano rimanere collegati al proprio posto di lavoro in attesa della realizzazione di un aspicabile piano di rilancio e/o riconversione industriale".

"Un esempio positivo di utilizzo di cassa integrazione per cessazione, in quello specifico caso sono stati 9 mesi, è avvenuto proprio in Valdarno, a Terranuova, nelle aziende Terranuova pura energia (ex consorzio)e Teseo, in cui la UILM, insieme a Fim e Fiom e la Confindustria Toscana sud e con l'intervento coraggioso ma lungimirante di un imprenditore locale, Ugo Pierozzi, ha permesso una reindustrializzazione seria e sostenibile che ha rioccupato al momento 110 dei circa 180 lavoratori coinvolti, più altri 40 che si sono via via ricollocati sul territorio, e 30 in naspi per 24 mesi, ma con diritto di precedenza nelle future assunzioni, prevedibili ed auspicabili, visto il piano industriale in corso d'opera per il prossimo biennio".

Articoli correlati