25, Aprile, 2024

Area verde di via Fratelli Cervi, l’assessore Posfortunato: “Nessuna richiesta di incontro dal Comitato dopo il consiglio aperto”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

È l’assessore ai lavori pubblici di Montevarchi, Lorenzo Posfortunato, a rispondere al Comitato dei cittadini che si oppone al progetto per l’area verde di via Fratelli Cervi. “Mi preme chiarire alcune inesattezze espresse dal comitato, intervenuto a mezzo stampa a seguito di una mia riposta ad una interrogazione durante lo scorso consiglio comunale sull’area di via F.lli Cervi. Intanto l’Amministrazione comunale, sia in sede di Commissione dedicata che di Consiglio comunale aperto, ha fornito puntualmente tutte le spiegazioni richieste dai partecipanti sulle motivazioni e caratteristiche del progetto che interessa l’area in questione, nell’ottica della piena trasparenza e collaborazione verso i cittadini e i residenti”.

“Inoltre – continua l’assessore Posfortunato – tra le dichiarazioni del comitato vi sono affermazioni completamente errate: “Ad oggi attendiamo di comprendere in che sedi e modalità sia stata presentata la richiesta da parte della Protezione Civile e quali caratteristiche debba avere l’area individuata per poter rispondere a tale richiesta”, ed altre alle quali abbiamo già dato risposta più volte, come: “In pratica, come già ampiamente scritto e argomentato, chiediamo di capire per quale ragione si sia individuato proprio l’area verde di Via Fratelli Cervi”. In particolare, nella risposta all’interrogazione che fa riferimento al mese di febbraio, ho evidenziato che, dopo il consiglio comunale, non vi sono state novità per cui informare i cittadini, tant’è che solo la scorsa settimana è arrivato al protocollo del comune il progetto per le attività ricreative e ludiche, con contestuale funzione di ricovero in caso di emergenza legata alla Protezione civile”.

Posfortunato poi spiega a che punto è il progetto: “È iniziato l’iter di verifica prima del Suap e poi dell’Urbanistica-Edilizia, e solo dopo le valutazioni d’ufficio, ci sarà la possibilità di presentare il progetto, il cui rilascio del permesso a costruire avverrà nei 60 giorni successivi, salvo integrazioni. Occorre anche precisare che né al Sindaco, né alla Giunta, è mai pervenuta alcuna richiesta di incontro da parte del comitato dopo la disponibilità espressa durante il Consiglio comunale aperto”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati