23, Maggio, 2024

25 aprile: ricordato il valdarnese Lorenzo Foggi, fu combattente per la Liberazione di Milano

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Nelle celebrazioni per il 70esimo anniversario della Liberazione d’Italia, a Arezzo, ricordato anche il giovane carabiniere valdarnese Lorenzo Foggi, che cadde alcuni mesi dopo la liberazione di Milano. A lui è intitolata la caserma dei carabinieri di Montevarchi

Anche Lorenzo Foggi, giovane carabiniere valdarnese, è stato ricordato sabato ad Arezzo durante le celebrazioni del 25 aprile per il settantesimo dalla Liberazione nazionale. 

Lorenzo Foggi oggi è sepolto nel cimitero di Levane, giovane carabinieri che contribuì alla Liberazione d'Italia e che morì pochi mesi dopo, ad appena 30 anni d'età. Nato a Terranuova nel 1915, rimase orfano di padre durante la prima guerra mondiale. La sua famiglia si trasferì prima a San Giovanni e poi a Caposelvi nel comune di Montevarchi. Negli anni ’30, giovanissimo, si arruolò nell’Arma dei carabinieri e partecipò alla guerra in Africa. Nel 1942 fu trasferito a Milano e dopo la creazione della Repubblica di Salò, pur rimanendo carabiniere, con altri colleghi fondò la formazione “Carabinieri Patrioti Girolamo”, un gruppo partigiano che operava soprattutto in Lombardia, in stretta collaborazione con gli alleati. Contribuì alla liberazione di Milano e morì poco dopo, nell’agosto del 1945, durante il fermo di un pericoloso ricercato a Milano.

Al Lorenzo Foggi furono concessi due encomi solenni dal Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri e il Certificato di Patriota dal Comado Supremo Alleato, mentre alla sua memoria fu concessa la Medaglia di Bronzo al valor Militare. A lui è intolata la Caserma dei Carabinieri di Montevarchi, inaugurata nel 2004.  

Le celebrazioni provinciali del 25 aprile si sono svoltei sabato mattina ad Arezzo alla presenza del Prefetto, del Presidente della Provincia, dei Parlamentari, Consiglieri regionali e delle massima Autorità militari della Provincia. Tutti presenti davanti al Monumento alla Resistenza, per ricordare il 70° anniversario della Liberazione Nazionale.

Dopo l'alzabandiera e la deposizione di una corona di alloro alla memoria di tutti i Caduti per la libertà si sono tenuti i discorsi celebrativi del Sindaco di Arezzo Stefano Gasperini, del Presidente della Provincia Roberto Vasai e del Presidente della Confederazione Provinciale fra le Associazioni Combattentistiche e Partigiane Stefano Mangiavacchi. E proprio Mangiavacchi nel suo intervento ha ricordato il valore di tutte le componenti della lotta di liberazione fra cui il giovane Vicebrigadiere dei Carabinieri Lorenzo Foggi che aderendo alla formazione partigiana "Gerolamo" combatté per la liberazione dell'Alta Italia e della stessa città di Milano collaborando con gli alleati.
 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati