23, Ottobre, 2021

Progetto Faisa, un corso d’italiano per donne straniere: aperte le iscrizioni

spot_img

Più lette

Sono aperte a Montevarchi le iscrizioni al nuovo corso d’italiano per donne straniere, organizzato dall’Amministrazione comunale e realizzato grazie al contributo gratuito e volontario di insegnanti in pensione che hanno deciso di dedicare il loro tempo a questa iniziativa di integrazione. Le spese di questa edizione saranno coperte anche dai contributi versati da tanti amici in ricordo di Carla Mugnai, che è stata la fondatrice del progetto Faisa.

Il progetto prende il nome dalla giovane donna trovata morta nel dicembre 2004 in una panchina in piazza della Repubblica. Attraverso la conoscenza della lingua italiana, si propone di favorire l’integrazione delle donne straniere attraverso corsi d’italiano: conoscere la lingua, infatti, è fondamentale per poter comunicare e avviare così un processo di integrazione, soprattutto nel caso di donne che si trovano a confrontarsi con una comunità per molti aspetti diversa da quella d’origine.

Il corso partirà il 26 ottobre, al Centro Sociale Polivalente La Bartolea in via dei Mille, e le persone iscritte saranno divise in base al livello di conoscenza della lingua italiana già acquisito. Sarà suddiviso anche a moduli della durata di alcuni mesi e andrà avanti fino a maggio 2022. Le lezioni si svolgeranno due giorni la settimana, il martedì e il venerdì dalle ore 10,00 alle ore 12,00.

Per effettuare l’iscrizione al corso si può telefonare al numero 347 0334390 (Centro di Ascolto per Cittadini Stranieri – Urban Center, via dei Mille n. 7); oppure inviare un messaggio su whatsApp sempre al numero 347 0334390; oppure inviare una mail a centroascolto@comune.montevarchi.ar.it scrivendo il proprio nome e cognome, il luogo e la data di nascita, il numero di cellulare.

Il corso di lingua italiana sarà anche un’occasione per fare conoscere i servizi a supporto delle famiglie e per favorire l’integrazione, favorire la socializzazione, la collaborazione, l’aiuto e il rispetto reciproco e quindi la costruzione di significativi rapporti di conoscenza e amicizia.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati