01, Febbraio, 2023

Consorzio di bonifica, pronto il piano per il 2023: in programma interventi per 11 milioni di euro

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

È pronto piano delle attività 2023 del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno, che è stato già approvato all’unanimità dalla sua Assemblea consortile. La proposta è il frutto dell’attento lavoro di ispezione, analisi, verifica e ascolto del territorio, effettuato dai tecnici dell’ente, tenendo conto delle disposizioni impartite dalla Regione Toscana. E in questo momento il Piano è stato inviato proprio alla Regione Toscana per la necessaria istruttoria: gli interventi potranno iniziare a prendere forma solo una volta ottenuta l’approvazione da parte della giunta regionale.

La versione definitiva del piano è stata redatta al termine degli incontri con i 54 comuni del comprensorio e dopo l’esame e la valutazione delle segnalazioni inoltrate dai cittadini, che restano alleati importanti ed efficaci antenne per tenere sotto controllo gli oltre 6.200 chilometri di corsi d’acqua gestiti dal Consorzio. Le necessità idrauliche e le soluzioni adottate sono state illustrate su base cartografica per tutte le sei unità idrografiche omogenee dell’Alto Valdarno, dove, complessivamente nel 2023, saranno investiti in manutenzione ordinaria quasi 11 milioni di euro.

Di questi, gli investimenti previsti nel Valdarno sono di 3 milioni di euro. 

All’interno del Piano 2023 è stata inoltre potenziata la dotazione finanziaria per “rimettere in forma” i corsi d’acqua in collina e in montagna, con la consapevolezza, purtroppo confermata dagli ultimi drammatici eventi nazionali, che è proprio tenendo in piena efficienza il reticolo di queste zone, che si riesce a difendere meglio il fondovalle. Le risorse saranno destinate al contenimento della vegetazione, al controllo e alla manutenzione delle opere idrauliche, alla risagomatura degli alvei. Oltre 150 mila euro saranno utilizzati per l’organizzazione e lo svolgimento dell’attività di vigilanza: continuare a monitorare la buona funzionalità dei corsi d’acqua è essenziale per mitigare il rischio alluvioni.

Aumentata, infine, la somma accantonata per fronteggiare, con interventi puntuali, eventuali criticità, attualmente non prevedibili. Il “tesoretto” è stato potenziato anche perché i fenomeni estremi, causati dai cambiamenti climatici, si ripetono ormai con frequenza sempre maggiore, stressando il reticolo idrografico e aumentando le criticità idrauliche che necessitano di interventi di manutenzione ordinaria non programmabili.

“Lavorare sulla prevenzione è essenziale – ha commentato la Presidente del Consorzio Serena Stefani – ma, per contenere i disastri, occorre uno sforzo importante anche sul fronte degli interventi strutturali, degli snellimenti burocratici, degli adeguamenti normativi, per gestire la risorsa acqua in modo attento e lungimirante. Il Consorzio di Bonifica ha pronti e in fase di studio numerosi progetti che, per essere realizzati, necessitano però di linee di finanziamento specifiche”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati