29.05.2016  11:28

Sostegno a domicilio agli anziani in condizioni di fragilità: "Pronto badante" si estende a tutto il Valdarno

di Glenda Venturini
Dopo una sperimentazione che per un anno ha riguardato solo la provincia di Firenze, ora la Regione ha esteso a tutta la Toscana il servizio "Pronto badante". Chi ha bisogno di aiuto deve soltanto chiamare il numero verde 800 59 33 88


commenti

Data della notizia:  29.05.2016  11:28

Per un anno ha funzionato in via sperimentale soltanto su Firenze e provincia, compreso il Valdarno fiorentino. Ora, alla luce del successo del progetto, è stato esteso a tutta la regione. È “Pronto Badante”, promosso dall’assessore alla Salute della Regione Toscana, Stefania Saccardi, un progetto che mette a disposizione delle famiglie toscane un servizio di sostegno rivolto alla persona anziana nel momento in cui cominciano a insorgere i primi problemi importanti legati alla vecchiaia, tali da mettere la pesona in condizioni di fragilità. 

Dal 1 giugno "Pronto badante" sarà attivo anche nel territorio del Valdarno aretino. Il progetto sarà coordinato sul territorio dalla Cooperativa Giovani Valdarno, che curerà la gestione di tre sportelli territoriali: a Montevarchi presso il centro polivalente “La Bartolea”, aperto giovedì 9 giugno; a Bucine presso la Rsa Fabbri Bicoli, mercoledì 1° giugno; e a Terranuova presso la Rsa di piazza Unità Italiana, venerdì 3 giugno. 

Il principale canale di accesso al servizio resta il Numero Verde 800 59 33 88 (attivo da lunedì a venerdì dalle ore 8 alle 18 e il sabato dalle ore 8 alle 13). Risponde un operatore che fisserà un intervento direttamente presso l'abitazione della famiglia della persona anziana, garantendo così un punto di riferimento per avere informazioni sui percorsi socio-assistenziali e un sostegno economico per l'attivazione di un rapporto di assistenza familiare con un badante.

Le persone anziane che vivono sole o in famiglia, per poter accedere al servizio, devono avere almeno 65 anni; essere residenti in Toscana; trovarsi per la prima volta in un momento di difficoltà, fragilità o disagio; non avere già in atto un progetto di assistenza personalizzato con i servizi territoriali; non aver già stipulato un contratto di assistenza familiare con un badante.

Una volta contattato il Numero Verde, la richiesta viene inoltrata ad operatori autorizzati che si recheranno, entro massimo 48 ore, presso l'abitazione della persona anziana, alla quale potrà essere erogato un buono lavoro (voucher) di 300 euro, una tantum, per coprire fino a un massimo di 30 ore di lavoro occasionale regolare di un assistente familiare, per le prime necessità. L'operatore autorizzato assiste l'anziano e la famiglia anche nelle procedure on-line di Inps per l'attivazione di un rapporto di assistenza familiare, e fornisce un breve tutoraggio per aiutare la famiglia e l'assistente familiare nelle prime fasi dell'attivazione del rapporto.

 

Economia / Sociale

 
comments powered by Disqus
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo articolo andremo a recensire un n...