08.05.2017  21:49

Premio Letterario Nazionale Vallombrosa: ecco i tre finalisti dell'edizione 2017

di Glenda Venturini
La giuria guidata da Eugenio Giani ha decretato i tre finalisti: Andrea Segrè e Simone Arminio, Vincenzo Abbate, Massimo Montanari. La manifestazione è stata presentata in Regione, nel palazzo del Pegaso. Coinvolte le scuole medie inferiori con un progetto sul riuso degli imballaggi del cibo e le scuole superiori nella lettura dei libri proposti


commenti

Data della notizia:  08.05.2017  21:49

Andrea Segrè e Simone Arminio, Vincenzo Abbate, Massimo Montanari: sono questi i finalisti del premio Letterario Nazionale Vallombrosa, edizione 2017. Un premio che quest'anno ha scelto un tema di grande attualità: “Pane, Olio, Vino: il cibo fra sacro e mondano”, in una società che vede nel consumo di cibo a livello mondiale la presenza di profondi solchi che dividono chi può accedere ad una quantità che va oltre il necessario, da chi non ha il minimo per il proprio sostentamento. Un tema che si amplia guardando al consumo di suolo, allo spreco di prodotti alimentari, alla produzione di scarti, al cibo spazzatura, alla nascita di malattie derivanti dall’eccessivo e sregolato consumo di cibo.

Il Premio Letterario Rotary Vallombrosa  nato nel 1999 su iniziativa del Rotary Club Firenze Valdisieve ha come scopo  principale il riconoscimento alle eccellenze culturali e sociali del territorio. Dal 2014 il Premio ha guardato unicamente al mondo della letteratura divenendo a pieno titolo Premio Letterario Nazionale Vallombrosa, portando avanti il progetto di espansione della cultura quale scopo dell’associazione. 

“Il premio letterario Vallombrosa rappresenta il modo migliore per rappresentare un territorio che riveste un’enorme importanza per tutti i toscani: importanza storica, spirituale, culturale, naturalistica”. Lo ha detto il presidente del Consiglio regionale della Toscana Eugenio Giani, presentando in Regione l’edizione 2017. “Sono quasi mille anni che, con la sua abbazia, Vallombrosa riveste un ruolo di primo piano nella nostra storia. Basti pensare che il santuario della Madonna delle Grazie di Montenero, patrona della Toscana, è stata affidata ai monaci vallombrosani”.

I tre finalisti sono stati individuati tra i 13 autori di libri dedicati al tema 2017 indicati, come consuetudine del nuovo corso del premio, dalle librerie indipendenti di Firenze e Provincia. La giuria del premio Rotary Vallombrosa 2017 ha individuato nei tre finalisti i rappresentanti ideali del tema scelto. Ecco dunque le opere selezionate:

Massimo Montanari, Mangiare da cristiani, Diete, digiuni, banchetti. Storie di una cultura, Rizzoli, 2015. Montanari, docente di storia e cultura dell'alimentazione, nel suo libro ricorda come il cibo regali, più di ogni altra cosa, informazioni sulla società, l’economia, valori e credenze di una data popolazione. Gli studi effettuati su diete alimentari nei vari periodi storici hanno permesso di ricostruire periodi anche molto poveri di fonti, regalando un quadro chiaro circa i rapporti tra i bisognosi, le classi abbienti e le istituzioni pubbliche.

Carmine Abate, Il banchetto di nozze, Mondadori, 2016 è il romanzo di una vita che viene scandito da profumi, colori e sapori che raccontano il nostro paese con le sue bellezze, le sue difficoltà. La figura del cuoco d’Arberia, un panino ripieno di frittata rubato da un gabbiano sfrontato toccano l’anima dell’autore e irretiscono quella del lettore.

Andrea Segrè, Simone Arminio, L’Oro nel piatto. Valore e valori del cibo, Einaudi, 2015. Gli autori affrontano il tema del cibo a 360° attraverso un percorso che diventa un viaggio nei luoghi dove passa il cibo medio: dallo studio agricolo al mercato ortofrutticolo, dall'industria alimentare al supermercato, dal parco tematico all'esposizione universale. Cibo quale ago della bilancia della sopravvivenza del pianeta e dei suoi abitanti.

Il Premio coinvolge anche le scuole. Ai ragazzi della scuola "Guerri" di Reggello è stato chiesto di puntare l’attenzione su “riciclo razionale dei contenitori” del cibo e delle bevande dando libero sfogo alla fantasia. Seguiti dalle professoresse di Arte Claudia Perugi,  eda quelle di tecnologia Daniela Scapecchi e Giuseppina Pizzonia, hanno creato oggetti d’arte e di utilità che saranno sottoposti al giudizio di una giuria. La premiazione avverrà durante l’evento “Premio Letterario Vallombrosa, Edizione 2017” che avrà luogo presso l’Abbazia di Vallombrosa.

La giornata del 27 maggio è quella dedicata alla premiazione ma vedrà anche, fin dalla mattina, il coinvolgimento degli studenti dell'Istituto Superiore Balducci di Pontassieve che, avendo letto i libri selezionati, potranno confrontarsi sull’argomento con gli autori finalisti. Nel pomeriggio sarà svelato il nome del vincitore dell’edizione 2017 del Premio Letterario Nazionale Vallombrosa e saranno presentate tutte le iniziative che hanno accompagnato il progetto come la raccolta alimentare straordinaria fatta  in collaborazione con il Banco Alimentare. Nell’occasione sarà premiato anche il presidente del Banco Alimentare della Toscana Leonardo Carrai.

Cultura

 
comments powered by Disqus