06.08.2015  17:30

Nucleo elicotteri vigili del fuoco della Toscana: dall'alba al tramonto al servizio dei cittadini e del territorio

di Monica Campani
Attivo dal 1969 il nucleo elicotteri ha sede ad Arezzo. Responsabile del reparto volo dei vigili del fuoco della Toscana è il comandante pilota Sauro Bartoli, tra l'altro di San Giovanni


commenti

Data della notizia:  06.08.2015  17:30

Quando li vediamo sorvolare il nostro territorio siamo colpiti da un duplice stato: paura per quello che sta accadendo e senso di sicurezza per la presenza di persone esperte e competenti che, sappiamo, faranno di tutto per tutelare i cittadini e la zona. Sono i mezzi e gli uomini del nucleo elicotteri dei vigili del fuoco della Toscana. Responsabile del reparto volo e quindi di otto piloti, dieci tecnici, quindici aerosoccorritori e tre aeromobili è il comandante pilota Sauro Bartoli, tra l'altro sangiovannese. Spesso il reparto è intervenuto in Valdarno per i roghi e i soccorsi a persona. Valdarnopost ha incontrato il gruppo.

La zona di competenza del reparto volo è tutta la Regione Toscana e la provincia di Perugia ma, in casi di calamità nazionale, il centro operativo nazionale del Ministero dell'Interno può disporre interventi fuori zona. Quest'anno è stato inserito nella flotta nazionale degli aeromobili di Stato che concorrono all'estinzione degli incendi boschivi.
 

Un lavoro duro, impegnativo e pieno di sacrifici svolto quotidianamente dal reparto grazie alle competenze e alle abilità di ognuno di loro, alla formazione continua e all'addestramento, ma soprattutto grazie al grande gioco di squadra necessario affinchè ogni operazione possa essere organizzata e gestita nel migliore dei modi per la tutela dei cittadini e del territorio. I mezzi sono importanti ma altrettanto fondamentale è il valore umano che permette a ogni componente del gruppo di mettere le proprie risorse a disposizione degli altri e delle attività da svolgere.

"Ci deve essere un grande affiatamento tra il pilota, il vericellista e l'aerosoccorritore. Nella cabina siamo tutti in contatto radio. Per avere però queste competenze operative passano anni. Tutti prima di svolgere la propria attività devono seguire corsi di formazione - spiega il responsabile Sauro Bartoli - Dobbiamo essere preparati a tutto, niente si può improvvisare". Tempestività nell'intervento, sangue freddo, competenze, e naturalmente tanto addestramento sono le caratteristiche principali degli uomini del reparto. "Tutti passiamo dai corsi di formazione presso l'Aeronautica militare e da quelli operativi svolti nei vari reparti volo. Questo lavoro deve essere svolto con professionalità: corsi, formazione e addestramento vengono organizzati quasi quotidianamente".
 

La copertura dall'alba al tramonto del territorio è garantito dagli uomini ma anche da tre aeromobili: due elicotteri monoturbina Agusta-Bell AB 206, Drago 18 e Drago 23, utilizzati in maniera particolare per operazioni di ricerca e di ricognizione, e un bimotore Agusta- Bell AB 412, Drago 53, capace di portare fino a 15 persone e di intervenire in zone impervie, senza atterrare, grazie al verricello di soccorso lungo oltre 70 metri. Attraverso, poi, il gancio baricentrico può trasportare materiale e utilizzare un benna della capacità di 1000 litri di acqua per segnere incendi.

Ogni anno il reparto effettua una media di 150 interventi di soccorso con 400 - 500 ore di volo all'anno. Oltre alle tantissime operazioni quotidiane, anche in Valdarno aretino e fiorentino, il nucleo elicotteri dei vigili del fuoco della Toscana è stato impegnato in disastri di livello nazionale: dai terremoti in Irpinia, Umbria e Abruzzo alle alluvioni nelle zone di Alessandria fino alle frane in Valtellina e a Sarno. Gli uomini del reparto volo sono intervenuti anche nel porto di Livorno per l'incendio del traghetto Moby Prince e all'isola del Giglio per l'affondamento della Costa Concordia. In questo caso il nucleo ha volato ben 90 ore in appoggio alle operazioni di ricerca all'interno del relitto della nave.

Tanti sono stati anche gli interventi in Valdarno aretino e fiorentino: in maniera particolare importante è stata l'opera del nucleo dei vigili del fuoco sul fronte dei grandi incendi che hanno devastato il territorio e delle persone scomparse o rimaste ferite e ritrovate soprattutto nelle aree più impervie. 
 

Per tutta l'attività svolta agli uomini del reparto volo di Arezzo sono stati tributati importanti riconoscimenti. 

(video e foto con logo forniti dal nucleo elicotteri vigili del fuoco della Toscana)

Cronaca

 
comments powered by Disqus