14, Agosto, 2022

Ponte Catolfi, è botta e risposta tra il consigliere regionale di FdI Veneri ed il sindaco Simona Neri

Più lette

In Vetrina

La notizia del collaudo effettuato sul ponte Catolfi nel comune di Laterina Pergine e l’ultimazione dei lavori ha suscitato i commenti del consigliere regionale di Fratelli d’Italia Gabriele Veneri.

“E’ singolare come la politica riesca a trasformare una pessima figura in un trionfo. Siamo alla deriva, aziende e cittadini sono stati totalmente dimenticati. La sindaca di Laterina Pergine Valdarno si permette anche di fare ironia su un tema così delicato che impatta su migliaia di persone e che rappresenta un esempio lampante di cattiva gestione del sistema infrastrutturale di questa regione. Il ponte Catolfi è stato a più riprese alla ribalta della cronaca nazionale grazie a “Striscia la Notizia”, siamo stati derisi a livello nazionale per un’opera che dal 2017 resta ancora da inaugurare. I lavori iniziati nel 2019 dovevano terminare a marzo del 2020, la fine è stata spostata a dicembre 2020, tempi poi ulteriormente dilatati fino al luglio 2021, i lavori sono andati talmente a rilento tanto che soltanto nei giorni scorsi sono state effettuate le prove di carico ed il ponte deve ancora essere inaugurato. A fronte di un costo iniziale di 1 milione e 910 mila euro, di risorse in gran parte regionali, a cui poi nel 2020 sono stati aggiunti ulteriori 100mila euro”.

“Nel frattempo imprese e cittadini hanno sopportato disagi infiniti. La mia mozione protocollata a giugno 2021, firmata anche dal consigliere Casucci, per dare ristori ai residenti e alle attività della zona, pesantemente danneggiati da questa prolungata chiusura del ponte, giace in quarta Commissione da giugno scorso e ancora non è stata calendarizzata dalla maggioranza regionale. L’ironia della sindaca, perciò, è estremamente fuori luogo. Come accaduto per altre realtà regionali, è giusto che anche i residenti e le attività imprenditoriali e commerciali della zona di Ponte Catolfi ricevano adeguati ristori”.

La risposta del sindaco di Laterina Pergine Simona Neri non si è fatta attendere. 

“E’ chiaro che ci sono stati dei ritardi che tutti avrebbero voluto evitare, l’Amministrazione in primis avrebbe voluto evitarli e con i pochi strumenti che avevamo abbiamo fatto di tutto per evitarli ma soprattutto lo hanno fatto RUP, DL, Coordinatore ed Ufficio Legale che con questa Ditta (ricordo che è l’unica Ditta che ha firmato il contatto d’appalto e l’unica che ha accettato di fare il lavoro) hanno applicato con fermezza la disciplina del Codice degli appalti. Ma queste cose sono dette e ridette, approfondite e spiegate a tutti i cittadini. Poi però bisogna anche dire che c’è chi fa politica amministrando ed affrontando i problemi e risolvendoli e che cerca di lasciare un segno concreto, come un ponte, e dall’altro lato c’è chi fa la politica dei partiti anche in ruoli importanti come quelli del Consigliere Regionale e che però a volte sbagliano pure a contare fino a 4 (leggo che secondo loro il Ponte Catolfi andava inaugurato nel 2017 quando il cantiere si è aperto nel 2019 ed i lavori sono iniziati in piena pandemia nel 2020 quindi sono 2 anni e 5 mesi che il ponte è chiuso, non 4, non capisco la data del 2017 da dove salta fuori); ecco, questi politici fanno parte di partiti che attaccano chi amministra come noi, e che poi si fanno la guerra tra loro (basta aprire i giornali queste settimane ad Arezzo sulle nomine, sulle consulenze, etc etc..) ecco queste sono le due visioni totalmente diverse della politica”.

“Ma guardate, attaccare il Sindaco non è mica un problema fatelo pure, poi una sindachina come me attaccata da cotanti Consiglieri Regionali con quegli stipendi e con quegli staff per me è solo motivo di vanto, accomodatevi, venite pure una volta all’anno a fare la foto ricordo davanti ai mie cantieri ci mancherebbe. Ma io non tollero che ridicolizziate il mio paese ed il mio Comune come avete fatto, in modo imbarazzante, chiamando a parlare di una cosa seria come un’opera pubblica un personaggio giallo con uno sturalavandini nel capo. E’ un opera seria che certamente ha avuto problemi ma vogliamo parlare di politica? Un cantiere pubblico specialmente in Italia va avanti sempre con difficoltà, sarebbe stato meglio fregarsene? lasciarlo crollare? o lasciare che qualcuno ci si facesse male in quel ponte? No, un certo tipo di politica seria se ne prende carico e cerca di risolvere il problema, un’altra politica invece prende in giro Laterina facendo venire il Ventosa e pensando di risolvere il problema così. Si vedo una grossa differenza tra le nostre politiche”.

Articoli correlati