08, Dicembre, 2022

“La politica sta anche nei luoghi delle criticità”. La visita del Presidente del Consiglio regionale a San Giovanni

Più lette

In Vetrina

Questa mattina il Presidente del Consiglio regionale della Toscana ha visitato i musei e le aziende di San Giovanni Valdarno. Dopo aver visitato la mostra diffusa tra il Museo delle Terre Nuove e il Museo della Basilica di Santa Maria delle Grazie, “Masaccio e Angelico” Antonio Mazzeo ha sottolineato il sostegno che la Regione Toscana si sta impegnando a dare a favore dei lavoratori soprattutto nelle situazioni di crisi, acuite dal caro energia.

“Il nostro è un viaggio che facciamo in tutte le realtà regionali. Il compito della politica deve essere quello di stare sempre all’altezza degli occhi delle persone, guardare ai loro bisogni e cercare di dare risposte.” Le parole del Presidente Mazzeo in merito alla sua visita. La prima tappa del suo viaggio a San Giovanni è stata all’IVV .” Un’azienda in sofferenza, un’azienda che può avere di fronte a sé grandi opportunità, ma che le sofferenze, sia nella fase precovid e poi acuite anche con l’aumento dei costi dell’energia oggi la vedono in grande difficoltà. Ho trovato soggetti imprenditoriali che hanno ancora voglia di scommettere, che stanno mettendo in campo le azioni che possono servire per rilanciare l’azienda. Da parte nostra quello che abbiamo sottolineato insieme la necessità subito, così come doveva fare il precedente governo, che si prenda in carico tutto quello che può per ridurre i costi dell’energia.

Sul ruolo della Regione, ancora Mazzeo:” Aziende come l’IVV, ad alto impatto energetico hanno bisogno di vicinanza e sostegno perchè il costo delle bollette è aumentato dalle cinque alle sette volte e in un’azienda che già soffriva diventa tutto più difficile. Da parte nostra, la Regione con i fondi che arrivano dalla comunità europea sosterrà chi vuole rilanciare, chi vuole investire nella ricerca, nelle innovazioni perché anche in questo settore c’è bisogno di tanta innovazione per poter competere negli anni che verranno. Per IVV è anche necessario che, alla fine di questo percorso del piano del concordato che c’è in atto, trovino soluzioni per il rilancio perchè è necessario che anche i lavoratori possano guardare al futuro con speranza e ottimismo. Ognuno deve fare la sua parte e il governo in questo caso può aiutare mettendo un tetto al caro energia.”

La visita è continuata prima con la mostra “Masaccio e Angelico. Dialoghi sulla verità nella pittura” come primo esempio di “Uffizi Diffusi”, un progetto della Regione Toscana; poi con la tappa nell’azienda ABB. Il Presidente:”Vedere dal vivo, farsi emozionare dalle opere di Masaccio, del Beato Angelico, portare con sé non solo quello che siamo stati ma anche l’innovazione che c’era in quelle opere per il tempo in cui vivevamo, dà il senso del nostro impegno. Dove c’è tanto innovazione c’è tanta ricerca e a proposito di questo dalla visita all’ABB mi aspetto uno spaccato di una delle realtà più innovative della nostra Regione. Donne e uomini che provano a segnare l’Italia del domani della transizione digitale nella transizione energetica”

Valentina Vadi, dopo aver ringraziato il Presidente Antonio Mazzeo per aver dedicato una mattinata alle diverse attività svolte a San Giovanni. “Questa visita è per noi un modo per far vedere e far conoscere alle istituzioni regionali il nostro territorio, come lavora il nostro territorio e anche le difficoltà che sta vivendo in questo momento. La visita nella nostra vetreria è stata un’impressione forte, spero che verrà trovata una soluzione e che questa arrivi presto.”

Il Consigliere Regionale Gabriele Veneri, ancora su IVV:” Col nuovo governo ci si aspetta una manovra importante. Un’azienda molto importante per il territorio e che arriva con dei problemi pregressi che sono stati ancora di più ingranditi dalle grandi crisi di questo momento storico. Sicuramente un’azienda che dovrà creare una rivoluzione a livello di mercato e a livello di governance perchè si parla di possibile ingresso di nuovi socie e credo che questa sia l’unica alternativa perchè oggi essere piccoli significa non riuscire a sotenere questa guerra contro le multinazionali; quindis e l’azienda riuscirà a trovar eun partner e ristrutturare id ebiti pregressi, sarà possibile risalire e risanare i problemi. ”

Antonio Mazzeo conclude con un commento riguardo la situazione Bekaert: “Bekaert rappresenta una di quelle battaglie su cui noi non molliamo. Non sempre si riesce a raggiungere risultati che si vogliamo. In questo momento  la trattativa è a livello nazionale. Io mi auguro davvero che si possa sbloccare; in gioco ci sono centinaia di persone, di vite di persone che ci hanno messo impegno, dedizione e noi vorremmo davvero potesse ripartire. Da parte nostra stiamo sostenendo la battaglia dei lavoratori.”

Nel pomeriggio il presidente ha concluso la sua visita istituzionale nel Valdarno aretino recandosi, insieme al consigliere toscano Cristiano Benucci e al sindaco di Castelfranco Piandiscò, Enzo Cacioli, alla casa famiglia “Fraternità della Visitazione” di Pian di Scò, dove ha incontrato Suor Simona e donne e bambini in difficoltà che qui hanno trovato rifugio. “Dal 2001 – ha spiegato Benucci – la fraternità ha aiutato circa 250 nuclei familiari. Molti di essi, completato il percorso , vivono in autonomia nei paesi della zona, e, sentendosi ancora parte della famiglia Fraternità, possono offrire sostegno alle nuove mamme per un volontariato diffuso con grandi capacità umane e di mediazione socio culturale e linguistiche. Dalla Fraternità sono passate donne e bambini di 12 nazionalità diverse e hanno visto la luce 30 bambini che sono nati proprio tra queste mura. Questo è un luogo dove il valore dell’accoglienza verso le situazioni di difficoltà è messo in pratica con grande generosità e con il contributo e l’aiuto di tanti volontari. Attualmente ospita mamme e bambini provenienti da sette paesi diversi, che professano quattro religioni diverse; un luogo dove la diversità è un valore e aiuta a stare insieme.
E’ soprattutto un luogo dove chi si trova in difficoltà può trovare una porta aperta, e, soprattutto, può trovare una grande famiglia”.

Articoli correlati