28, Giugno, 2022

Dal 27 aprile inizia la chiusura dei cassonetti ad accesso controllato a San Giovanni

Più lette

In Vetrina

Momento importante nella riorganizzazione del servizio della raccolta dei rifiuti a San Giovanni Valdarno. Il territorio comunale è stato suddiviso in tre zone e la chiusura delle postazioni avverrà in momenti distinti. Per spiegare le nuove modalità e chiarire ogni dubbio sono previsti quattro incontri nei quartieri, i primi saranno il 21 aprile alle 18 in zona Oltrarno e alle 21 nel quartiere Ponte alla Forche.

San Giovanni Valdarno si prepara alla chiusura dei cassonetti ad accesso controllato. Un momento importante nella riorganizzazione del servizio della raccolta dei rifiuti con le postazioni per il conferimento che potranno essere utilizzate unicamente attraverso le tessere 6card. Per agevolare il passaggio, il territorio comunale è stato suddiviso in tre zone e la chiusura dei cassonetti avverrà in modo progressivo, in tre momenti differenti, a distanza di circa un mese l’uno dall’altro. Ai cittadini sarà recapitata a casa una lettera riassuntiva e esplicativa dove saranno fornite tutte le informazioni relative alla data prevista di chiusura per la specifica zona, le indicazioni per richiedere copie o duplicati della tessera, le istruzioni pratiche su come conferire i rifiuti e il calendario degli incontri dell’amministrazione e Sei Toscana con i cittadini. Ogni chiusura sarà infatti anticipata da un incontro pubblico nelle zone interessate dove si spiegheranno agli utenti le corrette modalità di conferimento e saranno chiariti i possibili dubbi.

I primi quartieri che affronteranno il cambiamento sono Porcellino – Ponte alle Forche e Oltrarno con le nuove disposizioni che entreranno in vigore da mercoledì 27 aprile. Gli appuntamenti con la cittadinanza avverranno giovedì 21 aprile: alle 18 nella zona di Oltrarno nell’auditorium Ivv nel Lungarno Guido Reni e alle 21 al circolo Arci G. Simonti di via Ponte alle Forche. Trascorrerà circa un mese prima di procedere con la chiusura dei cassonetti nella seconda zona per consentire a chi avesse smarrito o deteriorato le tessere 6card o chi avesse necessità di avere più copie per il nucleo familiare, di rivolgersi al Punto amico di via Rosai.
La seconda zona comprenderà sia il centro che la zona delle Fornaci e la chiusura dei cassonetti avverrà mercoledì 25 maggio. L’incontro con i cittadini è fissato il 18 maggio alle 21 nella sala grande di Palomar, la Casa delle cultura in piazza della Libertà. La terza e ultima area comprenderà i quartieri Bani e Gruccia. La chiusura delle postazioni sarà il 22 giugno mentre l’appuntamento pubblico con gli utenti è in calendario per sabato 14 giugno alla scuola media Marconi.

“La riorganizzazione della raccolta dei rifiuti – ricorda l’assessore all’ambiente di San Giovanni Valdarno Laura Ermini – è iniziata con la omogeneizzazione del servizio su tutto il territorio comunale abolendo il porta a porta nei due quartieri che ne usufruivano. A questo passaggio si sono aggiunti la stesura del nuovo regolamento per la gestione integrata dei rifiuti che ha disciplinato il conferimento prevedendo anche le sanzioni, l’utilizzo degli ispettori ambientali che monitorano le postazioni su tutto il territorio per aiutare gli utenti nelle operazioni ma anche per segnalare eventuali abbandoni errati alle forze dell’ordine e l’uso di un sistema di fototrappole per individuare in maniera immediata e certa chi trasgredisce le norme. Tutte queste attività, come abbiamo sempre detto, rientrano nella particolare attenzione nei confronti del decoro e della tutela dell’ambiente che questa amministrazione ha sempre avuto ma sono anche in linea con l’impegno portato avanti con fermezza rispetto al raggiungimento degli obiettivi nazionali e sovranazionali in tema di percentuale di raccolta differenziata.”

Continua l’assessore:”Negli ultimi anni il trend di crescita graduale ma costante ha sicuramente dimostrato la correttezza di questa scelta: a San Giovanni Valdarno si è passati da un 39,21% del 2018 al 46,56% del 2019 al 50,60% del 2020 e anche nel 2021 ci si attesta poco sopra al 54%. Oggi a questi interventi affianchiamo la chiusura dei cassonetti ad accesso controllato. Questa chiusura farà sì che le postazioni per il conferimento dei rifiuti potranno essere utilizzate unicamente attraverso l’utilizzo delle tessere 6card che sono state recapitate a casa di tutti i cittadini sangiovannesi iscritti alla Tari del nostro comune. Le tessere dovranno essere utilizzate per conferire ogni volta che si andrà a cassonetto e sono collegate appunto all’utenza Tari”.

Nello specifico, il cittadino dovrà avvicinare la tessera al display elettronico posizionato sul cassonetto e premere il bottone di fianco.  A quel punto verrà emesso un segnale acustico che indicherà lo sblocco del cassonetto. Dopo basterà premere il pedale oppure utilizzare la maniglia e conferire il rifiuto.

Articoli correlati