01, Luglio, 2022

Primarie di coalizione: Sel sostiene la candidatura di Massimo Quaoschi

Più lette

In Vetrina

Sinistra ecologia e libertà del Valdarno aretino sostiene Massimo Quaoschi nelle primarie di coalizione del centrosinistra che si terranno il 26 gennaio

Il circolo territoriale di Sinistra Ecologia Libertà del Valdarno aretino sostiene la candidatura a sindaco di Massimo Quaoschi per le primarie di coalizione del centrosinistra di Terranuova che si terranno il prossimo 26 gennaio.

"Una scelta, la nostra, motivata dalla condivisione del programma di governo che Quaoschi propone agli elettori. Priorità al lavoro. Il comune, all’interno del perimetro delle sue competenze, non può che invitare le imprese ad investire e creare nuovi posti di lavoro sul territorio sburocratizzando e detassando. È necessario pensare però anche a chi il lavoro lo ha perso, puntando su forti azioni di volontariato e sperimentare nuove forme di cittadinanza attiva: un esempio a riguardo può essere la Banca del Tempo. Ma il lavoro si può creare anche incentivando le aziende agricole, con particolare attenzione ai giovani agricoltori, sfruttando la vocazione più importante che possiede la nostra morfologia collinare. Il ritorno alla terra, unito all’implementazione delle nuove tecnologie, potrà far sì che il nostro territorio riceva adeguate cure ad impatto zero, arginando i rischi di dissesto idrogeologico sempre in agguato".

"Apprezziamo l’approccio sulla trasparenza amministrativa, sul tema dei diritti civili e non per ultimo sulle politiche ambientali. Da un lato è opportuno puntare ancor di più sulla raccolta differenziata ed estendere il porta a porta al centro storico, nella direzione di un grande progetto di riciclo dei materiali. Dall’altro, quindi, la discarica di Podere Rota dovrà avere una data certa di chiusura. Prioritario è sollecitare la corretta gestione del problema dei cattivi odori e attuare le opere pubbliche compensative necessarie per i cittadini che abitano nella zona sede di impianto, ascoltando la voce di chi subisce tutti i giorni il disagio dovuto alla vicinanza dell’impianto. Tutti elementi, questi, di un nuovo modo di governare che potranno rendere Terranuova più forte e più vicina alle esigenze dei propri abitanti.

Articoli correlati