16, Agosto, 2022

Montevarchi Cambia Verso: “Necessari chiarimenti sulla nuova sede della biblioteca alla Ginestra”

Più lette

In Vetrina

Il movimento montevarchino prende la parola in merito alla questione della nuova sede della biblioteca al polo culturale della Ginestra: “Molte le domande ancora aperte, dai costi all’accessibilità dei libri. Perché ancora non ci sono stati gli interventi sui solai per garantire gli standard previsti?”

Sulla questione della nuova biblioteca al polo culturale della Ginestra, questa volta è il movimento Montevarchi Cambia Verso a intervenire, chiedendo chiarimenti: “Le domande aperte sono ancora molte”, si legge nella dichiarazione pubblicata sul blog, che fa riferimento anche alla chiusura della vecchia sede dal prossimo lunedì 3 marzo.
 
“Verrebbe da chiedersi se gli utenti potranno considerare utile, per le loro necessità, l’apertura di una sala con qualche tavolo e qualche sedia, ma totalmente priva di libri della biblioteca”. Il riferimento è alla sala lettura in sostituzione che sarà disponibile all’interno della ex sede del tribunale di Montevarchi. “Preferiamo però rivolgere le nostre attenzioni e le nostre preoccupazioni alla futura Biblioteca della Ginestra, nella speranza che l’annuncio dell’apertura si riferisca proprio al mese di maggio 2014 e non vi siano ritardi.”
 
Montevarchi Cambia Verso passa a illustrare i dubbi e le domande ancora irrisolte sui costi e la struttura: “Nessuno sa, a poche settimane dall’annunciata apertura, quanto costerà con certezza la gestione della nuova struttura. Non si sa quanti libri saranno davvero accessibili a scaffale aperto e quanti invece saranno confinati nei magazzini, nonostante lo spreco di parole con cui nei comunicati stampa si è vantato il nuovo modello organizzativo. Non si sa se davvero le attività della biblioteca potranno proficuamente integrarsi con quelle del cosiddetto centro culturale. Non si sa chi gestirà le attività di questo centro e secondo quali linee guida”.
 
Infine, la questione della stabilità e degli interventi sui solai: “Il dirigente dell’Ufficio Tecnico ha dichiarato che non sarebbe difficile intervenire per consolidare i solai della Ginestra, in modo da garantire il rispetto degli standard previsti per le biblioteche: ma allora perché non lo si fa? Perché non si consente ai futuri utenti della biblioteca, al personale e a chiunque vorrà recarsi alla Ginestra di poterlo fare con la sicurezza di trovarsi in una struttura che rispetti le norme vigenti in tutte le altre biblioteche d’Italia?”, conclude il comunicato.
 

Articoli correlati